Professoressa pubblica video porno su OnlyFans, gli studenti la scoprono: licenziata. «La scuola non mi paga abbastanza» FOTO

Professoressa pubblica video porno su OnlyFans, gli studenti la scoprono: licenziata. «La scuola non mi paga abbastanza»
Professoressa pubblica video porno su OnlyFans, gli studenti la scoprono: licenziata. «La scuola non mi paga abbastanza»
3 Minuti di Lettura
Domenica 13 Novembre 2022, 17:41

La professoressa delle scuole medie gira video porno e li pubblica su OnlyFans. Gli studenti la scoprono e la fanno licenziare. Samantha Peer, conosciuta anche con il suo alias da attrice hot "Khloe Karter", ha dovuto lasciare la Thunderbolt Middle School di Lake Havasu City, in Arizona (Stati Uniti). La stessa sorte è toccata a suo marito Dillon Peer, insegnante delle scuole elementari, che compare in diversi video insieme a lei.

 

La polemica

La professoressa non insegna più dal 31 ottobre, giorno in cui la scuola l'ha licenziata. I suoi studenti hanno visto i suoi video su OnlyFans e li hanno fatti circolare in tutta la scuola. La vicenda era diventata troppo imbarazzante per l'istituto, che ha deciso di tagliare i rapporti con la prof. Dopo che il suo caso è stato raccontato dai media locali, diventando virale in tutto il mondo, Samantha Peer ha pubblicato un video per raccontare la sua versione: «Negli anni da insegnante ho sempre avuto bisogno di un lavoro extra.

«Siamo arrivati a un punto in cui i nostri due stipendi non sarebbero bastati per sopravvivere», ha detto l'ex insegnante, che è mamma di due bambini. «Ho dedicato tante ore di lavoro extra alla scuola, ma il mio stipendio non è mai aumentato», ha polemizzato. «Per evitare di venire scoperta ho bloccato i miei contenuti in tutta l'Arizona e ho scelto un nome diverso», ha spiegato. Ma non è bastato. Colpe? Una. «Ho girato un video a scuola, ma tutto il resto delle riprese fatte con mio marito erano extra scolastiche». 

Profilo bloccato

Oltre al danno, per la professoressa è arrivata anche la beffa. Il profilo di OnlyFans è stato bloccato, perché «segnalato troppe volte», ha spiegato la ex insegnante sui social. Senza lo stipendio, adesso la piattaforma di contenuti espliciti rappresenta l'unica fonte di reddito. «Spero venga riattivato presto», ha aggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA