Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Meghan Markle, la rivelazione choc nel libro 'scandalo' Finding Freedom: «È stata vittima di razzismo a Buckingham Palace»

Meghan Markle, l'ultima rivelazione nel libro 'scandalo' Finding Freedom: «È stata vittima di razzismo a Buckingham Palace»
Meghan Markle, l'ultima rivelazione nel libro 'scandalo' Finding Freedom: «È stata vittima di razzismo a Buckingham Palace»
di Silvia Natella
2 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Agosto 2020, 13:58 - Ultimo aggiornamento: 14:25
«Meghan Markle vittima di razzismo»: è una delle tante rivelazioni contenute in "Finding Freedom", il libro sui duchi di Sussex appena uscito e scritto dai giornalisti Carolyn Durrand e Omid Scobie. L'arrivo di Meghan ha portato scompiglio a Buckingham Palace almeno quanto il suo addio. Gli autori della biografia raccontano che i Windsor furono razzisti con lei perché afroamericana. La consorte del principe Harry, in fondo, le aveva tutte: un'attrice non bianca e divorziata.

LEGGI ANCHE: Meghan Markle, l'amico di Harry svela il segreto: «Ha deciso di sposarla dopo soli pochi mesi, era tutto pianificato»


La notizia del fidanzamento aveva fatto storcere più di qualche naso, sebbene avesse avuto un impatto positivo sul Commonwealth. Nelle 54 nazioni, infatti, molti avrebbero ammesso di sentirsi più rappresentati da Meghan perché afroamericana.

Secondo la biografia, la Famiglia Reale non avrebbe risparmiato alla neo-duchessa atteggiamenti razzisti e sessisti che le avrebbero reso ancora più difficile la vita a Corte. Un motivo in più per rinunciare ai titoli ufficiali e imboccare la strada della Megxit. 

«Era troppo rumorosa, troppo esigente e troppo difficile e la cosa più brutta di quella situazione era che c'erano persone all'interno dell'istituzione che la ostacolavano informando i tabloid», dichiarano gli autori.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA