Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Whatsapp può creare dipendenza: alcuni
lo visualizzano fino a 12 volte in un'ora

Whatsapp può creare dipendenza: alcuni lo visualizzano fino a 12 volte in un'ora
2 Minuti di Lettura
Giovedì 15 Maggio 2014, 15:15 - Ultimo aggiornamento: 20:12
ROMA - Non solo i social network e le chat possono creare dipendenza, ma secondo recenti studi anche le app di messaggistica istantanea che hanno ormai sostituito gli Sms.

WhatsApp è una mania che può dare dipendenza, tanto da essere usata fino a 12 volte l'ora: secondo uno studio pubblicato sul 'The Social Science Journal' oltre la metà degli utilizzatori della popolare chat, ma anche di servizi simili, si dichiara dipendente da queste app o comunque non esclude di esserlo.



Per la ricerca, gli esperti hanno esaminato due tratti della personalità di ciascun individuo, l'estroversione e l'ansia sociale, ed hanno esaminato la frequenza di utilizzo delle chat per smartphone. E' emerso che oltre il 32% (quasi uno su tre) degli intervistati ha riferito di usare un'app di 'instant messaging' più di 12 volte l'ora.



Inoltre, il 53% dei partecipanti all'indagine ha dichiarato di percepirsi dipendente da WhatsApp o comunque non ha escluso di avere questa forma di tecno-dipendenza. Meno della metà degli utilizzatori della chat, infine, si dichiara non dipendente.I principali motivi di questa mania, riferiti dagli intervistati, sono la ricerca di contatti sociali, divertimento e informazioni.



L'indagine è stata condotta da Abdullah Sultan esperto di comportamento dei consumatori presso l'università del Kuwait, coinvolgendo 552 individui utilizzatori di chat.
© RIPRODUZIONE RISERVATA