Ragazza truffava le banche
con l'alibi della gravidanza

Lunedì 10 Novembre 2014
Ragazza truffava le banche con l'alibi della gravidanza
TORINO - Una giovane donna di 33 anni è

stata arrestata dai carabinieri di Asti per truffa ai danni di banche dove effettuava prelievi su conti correnti non suoi. È sospettata di una quarantina di raggiri, commessi in un anno in particolare a Chivasso, Novara e Asti.

Il suo metodo collaudato consisteva nell'impietosire il personale della banca mostrando il suo stato di gravidanza. Prima chiedeva l'estratto conto usando il nome di una sua conoscente, poi effettuava il prelievo, ogni volta di circa 1000 euro. In entrambi i casi alla richiesta di favorire un documento, diceva di averlo dimenticato e implorava di non essere costretta a ritornare a casa, considerato che era incinta. Ultimo aggiornamento: 15:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA