Federico Doga, 16 anni, promessa del rugby investito e ucciso da due auto: choc a Iseo

Federico Doga, 16enne promessa del rugby investito e ucciso da due auto: choc a Iseo
Federico Doga, 16enne promessa del rugby investito e ucciso da due auto: choc a Iseo
2 Minuti di Lettura
Domenica 8 Gennaio 2023, 17:15 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 17:08

Il mondo del rugby in lutto per la morte di Federico Doga: il 16enne è stato travolto ieri sera a Iseo, nel Bresciano, da due auto ed è morto sul colpo. Il giovane giocava infatti nella squadra del Rovato, paese dove frequentava anche la terza superiore del liceo economico-sociale dell'istituto Lorenzo Gigli di Rovato. I funerali saranno celebrati domani pomeriggio a Comezzano Cizzago, dove il 16enne viveva con la famiglia. Messaggi di cordoglio sono arrivati dalla scuola, dal Rovato Rugby, e anche dal Rugby Parabiago, di cui il padre è Direttore Tecnico.

Federico Doga morto, cosa è successo

 

Il ragazzo morto in un incidente terribile a Iseo, quando i suoi genitori, che lo avevano accompagnato in auto, erano appena ripartiti per tornare a Comezzano-Cizzago, nella Bassa Bresciana, dove la famiglia risiede. Erano le otto di sera, Federico ha attraversato la strada, la centralissima via Roma, in un tratto senza strisce pedonali. Una prima auto, una Punto nera guidata da un 39enne, lo ha colpito, ma subito dopo ne è arrivata un'altra in direzione opposta, una Mbw con a bordo una famiglia bergamasca, che lo ha investito una seconda volta.

L'impatto è stato devastante, e le due auto si sono poi scontrate tra loro dopo aver travolto il ragazzo. I soccorsi sono arrivati subito, per Federico Doga non c'è stato nulla da fare. Il guidatore della prima auto è stato trasportato in ospedale in codice verde, la famiglia - padre, madre e figlia di 10 anni - in codice giallo, soprattutto per lo choc. Sull'incidente indaga la polizia stradale di Iseo. I due conducenti sono stati sottoposti subito agli esami tossicologici, gli esiti sarebbero negativi per entrambi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA