Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Di Maio: «Entro l'anno stop alle aperture
domenicali e festive dei centri commerciali»

Di Maio: «Entro l'anno stop alle aperture domenicali e festive dei centri commerciali»
2 Minuti di Lettura
Domenica 9 Settembre 2018, 12:14 - Ultimo aggiornamento: 13:58

«Sicuramente entro l'anno approveremo la legge che impone uno stop nei week end e nei festivi a centri commerciali ed esercizi commerciali, con delle turnazioni». Ad affermarlo è stato il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, parlando in diretta Facebook, a margine della Fiera del Levante, a Bari.
 

 

«L'orario degli esercizi commerciali non può più essere liberalizzato come fatto dal governo Monti perchè sta distruggendo le famiglie italiane» ha scandito Di Maio. «Bisogna ricominciare a disciplinare gli orari di apertura e chiusura» ha aggiunto il vicepremier.

E riguardo alla legge di bilancio, poco prima in Fiera, aveva detto: «Se abbiamo detto ai cittadini che questa legge di bilancio sarà coraggiosa, ma terrà i conti in ordine è perché noi vogliamo fare qualcosa di coraggioso. La cosa più coraggiosa che possa fare una forza politica oggi - aveva sottolineato - è mantenere le promesse». «Non c'è solo il reddito di cittadinanza. Stiamo approntando un pacchetto di semplificazioni per le imprese e stiamo mettendo in piedi una serie di misure che entreranno nella legge di bilancio con incentivi alle aziende, sopratutto - ha aggiunto - quelle più innovative, per acquisto di nuovi macchinari e favorire l'assunzione di giovani tecnici». «Abbiamo tantissimi progetti allo studio, oltre al reddito di cittadinanza che resta il punto cardine e si deve fare. Abbiamo misure per i commercianti per i piccoli imprenditori, per medi e per i grandi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA