Va dal dentista per una carie, bambina esce con un danno cerebrale. La famiglia: «Cieca e paralizzata per un errore»

La famiglia di Houston ha ricevuto 95 milioni di dollari dal tribunale. Risarcimento che però non potrebbe mai vedere

Va dal dentista per una carie, bambina esce con un danno cerebrale. La famiglia: «Non può parlare e muoversi»
Va dal dentista per una carie, bambina esce con un danno cerebrale. La famiglia: «Non può parlare e muoversi»
3 Minuti di Lettura
Sabato 24 Settembre 2022, 12:53

Una famiglia di Houston ha ricevuto 95,5 milioni di dollari dopo che la loro figlia di 4 anni ha subito un danno cerebrale durante una visita dal dentista nel 2016. Un risarcimento, però, che la famiglia rischia di non vedere. La giuria americana ha ritenuto l'ex dentista Bethaniel Jefferson negligente nel trattamento di Nevaeh Hall, che ha sofferto di convulsioni indotte da farmaci e privazione di ossigeno presso il Diamond Dental Practice di Houston nel gennaio 2016. La bambina, insieme ai genitori, era andata lì per una carie. Secondo l'avvocato della famiglia, Nevaeh è stata curata e sedato in modo improprio durante il trattamento. I genitori hanno accusato il dentista di non averli avvisati quando la bambina - che ora ha 10 anni - ha iniziato ad avere le convulsioni.

«Nevaeh è cosciente, ma a causa dell'incidente necessita di cure mediche 24 ore su 24 poiché non può più vedere, parlare, camminare o mangiare da sola», ha testimoniato la sua famiglia nel processo. «Il problema è che il dentista ha pagato da tempo quel poco che poteva pagare. Ora siamo seduti qui e siamo fregati», ha detto Jim Moriarty, uno degli avvocati della famiglia.

Nel novembre 2016, il Texas Dental Board ha revocato la licenza medica di Jefferson. Un anno dopo, Jefferson è stato incriminato da un gran giurì della contea di Harris con l'accusa di aver causato intenzionalmente e consapevolmente per omissione gravi lesioni personali a una bambina, non avendo cercato e fornito cure mediche adeguate. Il processo dovrebbe iniziare nel mese di ottobre. Si tratta di un altro tentativo di responsabilità che potrebbe fornire una giustizia più significativa a una donna che ha ancora grandi sogni per sua figlia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA