La preside chiude Ragioneria: «Maxi intervento straordinario di sanificazione». Stop pure ad un ristorante, otto i clienti positivi

Mercoledì 24 Febbraio 2021 di Emidio Lattanzi
L'Istituto tecnico commerciale Capriotti di San Benedetto

SAN BENEDETTO - Tutti gli studenti dell’istituto tecnico commerciale Capriotti di San Benedetto resteranno a casa da oggi fino al prossimo 6 marzo. La dirigenza scolastica ha infatti disposto che le lezioni di tute le classi si svolgano in modalità Dad, secondo l'orario attualmente in vigore.

 

Il tutto, come spiega la dirigente Manuela Germani nella comunicazione al personale docente e alle famiglie: «allo scopo della riduzione del rischio e a tutela del personale scolastico e degli studenti, nei giorni sopraindicati, l’Istituto sarà interessato da attività di Sanificazione straordinaria ad opera di ditta specializzata che impatterà sui diversi piani dell’edificio scolastico». Dunque si andrà avanti con la didattica a distanza fino al 6 marzo per poi rientrare in classe lunedì 8. In questo lasso di tempo, l’edificio, per tutta la parte relativa alle classi, ai laboratori, ai servizi specifici, sarà coinvolto in attività di sanificazione straordinaria ed eccezionale”.

Dalla scuola, infatti, si sottolinea come il contesto emergenziale del covid sia diventato più incisivo: «Si avverte pertanto l’attenzione ad abbassare al minimo gli spostamenti, ad evitare assembramenti congiuntamente alla necessità di sanificazione aggiuntiva rispetto all’ordinaria che la presenza nei locali scolastici comporta».Tutto il personale docente assicurerà naturalmente le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza da casa, ovvero dal proprio domicilio. Ed è sempre a causa del Covid ache a Cupra Marittima si sta vivendo una situazione anomala a causa di un cluster che si sarebbe sviluppato durante il pranzo di San Valentino all'interno di un ristorante che si trova sul territorio comunale e che, negli ultimi giorni, è stato costretto a chiudere per sanificazione. Almeno otto sarebbero infatti le persone contagiate in seguito al pranzo al quale ha partecipato una persona che era positiva al Covid ma che, a quanto si apprende, non sapeva di esserlo.

La vicenda ha fatto sì che numerose persone, sia i partecipanti al pranzo che i loro familiari e le persone venute a stretto contatto con loro nelle ore successive, si sono dovute mettere in quarantena, sottoporsi a tampone molecolare e attendere l'esito. E ovviamente anche i conviventi delle persone che sono risultate positive devono sottostare all'isolamento nell'abitazione. I primi risultati si sono visti nel numero di contagiati presenti sul territorio comunale schizzati, per quanto riguarda le ultime ventiquattro ore, da 27 a 35. E sembra che, stando alle ultime rilevazioni, il numero di persone positive al Covid 19 possa essere destinato a salire ulteriormente anche nei prossimi giorni. Le autorità sanitarie stanno tenendo monitorata tutta la situazione.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA