Parolisi vuole vedere la figlia
Udienza dal giudice a settembre

Parolisi vuole vedere la figlia Udienza dal giudice a settembre
1 Minuto di Lettura
Martedì 28 Gennaio 2014, 11:09 - Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 16:57

ASCOLI - E' stata rinviata l'udienza davanti al Tribunale dei minori di Napoli al quale si era rivolto Salvatore Parolisi, attraverso il suo avvocato Federica Benguardato, per poter incontrare sua figlia Vittoria. Il giudice, ieri mattina, ha disposto il rinvio al prossimo 29 settembre a seguito della mancata notifica di una parte degli atti del procedimento alle controparti. A maggio dello scorso anno, Salvatore Parolisi aveva dato mandato al suo avvocato di presentare l'istanza sulla base della relazione presentata dalla consulente d'ufficio, la psicologa Giuseppina Bencivenga, nominata dal giudice tutelare di Nola. Nella perizia depositata, il perito del tribunale sottolineava la necessità nell'interesse della minore di farle incontrare il padre Salvatore Parolisi. Il rinvio disposto ieri ha di fatto spostato solo di qualche mese il braccio di ferro con la famiglia Rea che, attraverso il suo difensore, l'avvocato Marco Capone, è decisa a dare battaglia e ad opporsi alla richiesta del caporalmaggiore. La famiglia Rea, a cui è stata affidata la piccola Vittoria Parolisi, è decisa ad opporsi facendo forza anche sul fatto che la perizia della Bencivenga era stata effettuata prima della due sentenze di condanna di Parolisi per l’omicidio della moglie Melania avvenuto a Ripe di Civitella a pochi chilometri da Ascoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA