Lavori sulla Castignanese agli sgoccioli, sospiro di sollievo per i residenti del borgo

Mercoledì 30 Giugno 2021 di Eduardo Parente
I lavori sulla provinciale Castignanese

CASTIGNANO - La Provinciale Castignanese riapre. Ad un anno, circa, dall’inizio dei lavori che hanno interessato un chilometro della strada che collega Offida a Castignano, c’è il via libera ufficiale alla sua riapertura. Direttamente dall’Anas. Lo annuncia il sindaco di Castignano, Fabio Polini. «Finalmente siamo in dirittura di arrivo - dice, soddisfatto, il primo cittadino -. Mi hanno assicurato, salvo imprevisti dell’ultima ora, che il 15 luglio la strada Castignanese riaprirà e questa per noi è una notizia davvero molto importante, soprattutto perché la Potes, che fa base ad Offida, è il punto più vicino che abbiamo in caso di soccorsi».

 

Un territorio, quindi, che attualmente si trova diviso in due compartimenti stagni e tantissimi disagi ai danni di una comunità ormai sfiancata da lavori lumaca, rallentati, anche dai lockdown che sono stati imposti dal governo per contrastare i contagi da covid19. 

Gli interventi di messa in sicurezza della strada, erano certamente necessari. Il movimento franoso a valle, che nel tempo si era venuto a creare su di un tratto della Castignanese a causa del terremoto e delle precipitazioni, aveva, infatti, colpito la sede stradale e parte dei muri di cinta a protezione del versante più fragile. L’opera di ripristino è stata, così, mirata a riportare un chilometro dell’arteria interessata, nelle condizioni di massima sicurezza che ne consentiranno la riapertura già dal prossimo 15 luglio. «Finalmente si vede la luce in fondo al tunnel - ribadisce con forza Polini -. C’è voluto del tempo. Ma alla fine l’unico obbiettivo era quello di mettere la strada in sicurezza per sempre, grazie all’Anas che ha investito due milioni di euro per completare l’intervento. Ed è per questo che voglio assolutamente ringraziare l’Azienda nazionale autonoma delle strade che si è spesa per mettere in sicurezza una arteria, come la Castignanese appunto, che per noi è di fondamentale importanza, considerando che la Potes di Offida è il punto di raccolta più vicino a noi, in caso di soccorsi. Il nostro territorio e i nostri cittadini dovevano essere salvaguardati». 

Ma i disagi, per l’interruzione della strada, ci sono stati. «È inutile dirlo - prosegue il sindaco Polini - per molti mesi l’intero Comune di Castignano è stato messo a dura prova da lavori che sembravano non finire mai. Il nostro paese è stato fortemente penalizzato, le attività produttive sono state rallentate. Le imprese artigianali, turistico-ricettive e non solo, hanno dovuto vedersela con una situazione che aveva del paradossale. Soprattutto perché da noi una vera e propria strada alternativa alla Castignanese non esiste. Ed è per questo che i disagi si sono fatti sentire in maniera pesante. Oggi, però, fortunatamente siamo alla fine di un percorso tortuoso e apparentemente infinito e sicuramente avremo una strada che potremo percorrere in tutta sicurezza. Sono stati effettuati degli importanti lavori di consolidamento per un chilometro, costati circa due milioni di euro. Ho sentito qualche giorno fa gli organi Anas. E ci hanno assicurato la riapertura entro il 15 luglio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA