Confindustria favorevole ai vaccini: «Sono gratis e funionano». Non pagherà i tamponi ai dipendenti

Mercoledì 13 Ottobre 2021
Valentino Fenni presidente di Confindustria Centro Adriatico

ASCOLI - Il 15 ottobre è alle porte. Venerdì, infatti, è il giorno in cui il green pass diventerà obbligatorio per i lavoratori. Confindustria Centro Adriatico non ha dubbi: «Siamo favorevoli e le aziende si sono organizzate. C’è una regola e va applicata. Non per penalizzare qualcuno, ma per favorire il lavoro, i lavoratori e quindi l’economia» sottolinea il presidente Valentino Fenni. E non c’è l’intenzione di pagare i tamponi ai dipendenti. 

 

 

Ragionare ora su un nuovo cambiamento delle norme sarebbe problematico. «Penso all’allungamento dei tempi di validità dei tamponi. Ma se da mesi si ragiona sulle 48 ore, su dati scientifici, non è che ci si alza al mattino e si cambia idea. Servono certezze. Quello che ci teniamo a far capire è che l’imprenditore è al fianco del lavoratore. A nessuno piace l’idea di dover lasciare a casa un collaboratore senza stipendio, quindi speriamo che i pochi che possono e non vogliono vaccinarsi ci ripensino. Noi siamo impotenti di fronte alla volontà del lavoratore, che per noi è un perno fondamentale difficile anche da sostituire».

Il green pass è solo un altro tassello di un impianto di sicurezza che da oltre un anno è attivo dentro le aziende. «I protocolli sono chiari e sono costanti: distanziamento, disinfezione periodica, mascherine, igienizzanti. A questo aggiungeremo il personale che controllerà i certificati verdi prima dell’ingresso in azienda«. Chi non rispetta le regole, subirà pesanti sanzioni. Il datore che non controlla rischia da 400 a 1000 euro, il lavoratore che accede al lavoro senza green pass rischia fino a 1.500 euro di multa. «Su questo i nostri uffici hanno mandato le linee guida a ogni associato e sono a disposizione per ogni chiarimento» prosegue.

Non hanno intenzione gli imprenditori di pagare i tamponi per i lavoratori, questo lo ha chiarito anche il numero uno degli industriali Carlo Bonomi. «Lo Stato mette a disposizione il vaccino gratuitamente, questa è l’arma per tutti. Qui dobbiamo ragionare sul bene collettivo, la minoranza del Paese – riprende il presidente di Centro Adriatico - non può essere quella che detta il futuro degli altri. È inaccettabile assistere a manifestazioni cariche di violenza. La discussione è un conto, i danni sono un altro». Il vaccino funziona, tanto che tutta l’Italia è ormai in zona bianca. «Ci rendiamo conto che nel mondo dove la campagna vaccinale è indietro il Covid è riesploso? Da noi, le misure di sicurezza sono entrate a far parte del vivere quotidiano. Non ci diamo più la mano, non ci abbracciamo, non parliamo più all’orecchio di una persona: perdite dal punto di vista umano, ma viviamo. È questa la serenità, potersi guardare negli occhi, lontano dalle sale di rianimazione, poter lavorare e garantire un futuro a se stessi e alle proprie famiglie» conclude Fenni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA