Dona un ecografo al Mazzoni
​in ricordo del fratello defunto

Dona un ecografo al Mazzoni ​in ricordo del fratello defunto
2 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Dicembre 2014, 19:12 - Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre, 11:23

ASCOLI - In un mondo dove la generosità sta diventando un sentimento raro si assiste ad un gesto che può solo confortare. Giuliana Portinari, da diversi anni trasferitasi a Pescara non ha mai dimenticato le sue origini ascolane. Qualche anno fa ha perso, a seguito di una malattia, il fratello Michele, impiegato conosciuto e stimato che lavorava al Banco di Roma. La signora Portinari ha donato al reparto di chirurgia generale dell'ospedale Mazzoni, un ecografo portatile di ultima generazione, di cui era sprovvisto il reparto che ora può contare su un macchinario utilissimo per stilare una diagnosi attendibile. "Prima - spiega il dottor Moreno Tosti, responsabile del reparto di chirurgia - quando arrivava un paziente, specialmente durante le ore notturne, eravamo costretti a chiamare un radiologo affinchè effettuasse l'esame. Dal momento della chiamata al suo arrivo trascorreva del tempo prezioso, a volte fondamentale per la sopravvivenza del malato. Di giorno non ci sarà più la necessità di trasferirlo in radiologia. Con l'ecografo portatile si evita tutto ciò. In forza al mio reparto ci sono due chirurghi che possono eseguire l'esame senza che il paziente si alzi dal suo letto. L'enorme vantaggio è che in pochi minuti siamo in grado di stilare una diagnosi ben precisa". La morte di Michele Portinari ha aperto nel suo cuore una ferita che non si è mai rimarginata e che ha fatto maturare il desiderio di voler donare all'ospedale Mazzoni un macchinario utile per aiutare le persone che sono alle prese con gravi problemi di salute. Ha contattato il dottor Tosti manifestandogli il desiderio di voler regalare al suo reparto un macchinario che ritenesse maggiormente utile. La scelta del responsabile del reparto chirurgia è dunque caduta sull'ecografo portatile.



Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA