Ascoli Cultura parte con lo Spontini: in 7 alla guida della Fondazione, in arrivo pure Filarmoci e Ventidio

Ascoli Cultura parte con lo Spontini: in 7 alla guida della Fondazione, in arrivo pure Filarmoci e Ventidio
Ascoli Cultura parte con lo Spontini: in 7 alla guida della Fondazione, in arrivo pure Filarmoci e Ventidio
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Ottobre 2022, 02:30

ASCOLI - Con il via libera, dopo il lasciapassare del consiglio comunale, alla nuova fondazione chiamata a gestire i principali contenitori culturali cittadini, si entra ora nella fase più concreta e operativa che vede nell’immediato, dopo la costituzione del nuovo organismo, l’inclusione dell’istituto musicale Spontini con attività e la relativa sede per poi arrivare alla gestione dei teatri storici Filarmonici e Ventidio Basso. Con l’ipotesi anche di occuparsi delle biblioteche comunali. Ma come funzionerà questa nuova struttura denominata Fondazione Ascoli Cultura? Quali attività svolgerà nello specifico? La risposta arriva dallo statuto della nuova creatura chiamata a sgravare l’Arengo delle incombenze legate, come detto, alle strutture culturali.  


Le attività 


La nuova fondazione avrà innanzitutto il compito di assicurare la conservazione, salvaguardia e valorizzazione degli immobili comunali ad essa affidati. Inoltre, perseguirà la promozione e lo sviluppo di tutte le attività di rilevante valore artistico e culturale e, in particolare, delle arti musicali, teatrali, cinematografiche e artistiche in ogni loro forma. Potrà anche occuparsi dell’organizzazione di eventi, mostre e manifestazioni culturali in genere nonché di studi, ricerche, iniziative scientifiche, attività produttive didattiche o divulgative, convegni. E, ancora, dello sviluppo e la promozione della cultura musicale, anche sotto l’aspetto didattico (e qui rientra il discorso dell’istituto Spontini), dell’aggiornamento e specializzazione per artisti e tecnici, quindi con attività di formazione nel settore culturale. Come già illustrato dal sindaco Fioravanti in consiglio comunale, in concreto la nuova fondazione ingloberà in prima battuta la gestione dello Spontini e della sua sede. Poi a seguire, considerando anche che il Filarmonici ha attualmente una gestione provvisoria, si procederà con l’affidamento dei due teatri storici. E lo stesso primo cittadino ha ipotizzato anche la possibile gestione delle biblioteche comunali. Chiaramente la Fondazione Ascoli Cultura potrà stringere accordi con istituzioni e altri organismi, creare rapporti con scuole e conservatori, ricevere contributi e donazioni e svolgere ogni attività per reperire fondi per lo svolgimento dei proprio compiti. La fondazione potrà anche proporre al Comune la necessità di interventi straordinari sugli immobili in gestione e decidere, con le risorse disponibili, anche eventuali assunzioni di personale per lo svolgimento delle attività. 


Soci e organizzazione 


L’unico socio fondatore originario è e resterà il Comune di Ascoli., Ma potranno aderire come fondatori altre persone fisiche e giuridiche contribuendo con il versamento iniziale minimo stabilito in 30mila euro che poi dovrà continuare ad essere versato ogni anno. Sono previsti poi soci sostenitori che possono essere persone fisiche o giuridiche che contribuiscano alla realizzazione degli scopi della fondazione con versamenti in denaro, annuali o pluriennali, con le modalità ed in misura non inferiore a quella che verrà stabilita dal consiglio di amministrazione della Fondazione o con un’attività, anche professionale, di particolare rilievo o con l’attribuzione di beni materiali o immateriali. 


L’organigramma 


Dal punto di vista operativo, il Comune individuerà il presidente del consiglio di amministrazione – composto dall’ente comunale e da rappresentanti dei soci fondatori per un minimo di 3 e un massimo di 7 componenti, di cui fino a un massimo di 5 indicati dall’Arengo e 2 dagli altri soci – ed è previsto anche un vice presidente. Il cda, con indicazione o voto favorevole del presidente, individuerà il direttore della fondazione. Tutti gli incarichi avranno durata triennale, ma con possibilità di rinnovo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA