Il sogno di un posto fisso in Comune: la carica di 1500 aspiranti dipendenti per 19 assunzioni. Preselezioni a settembre

Lunedì 6 Luglio 2020 di Luca Marcolini
Una immagine di archivio. ​Per il concorso si stanno studiando misure per il distanziamento sociale.
ASCOLI - Oltre all’emergenza economica, il Coronavirus e il conseguente lockdown hanno lasciato circa 1500 candidati in attesa di capire come e quando si potrà dar seguito ai concorsi pubblici indetti dall’Arengo e, conseguentemente, alle 19 assunzioni previste con tali procedure nell’anno in corso. Lo stop per le restrizioni e prescrizioni arrivate a causa della pandemia era, di fatto, arrivato proprio nella fase in cui si sarebbero dovute presentare le domande di partecipazione, tanto che poi l’Amministrazione comunale ha dovuto prorogare la scadenza al 18 maggio. Ma proprio a dimostrazione di quanto fossero attesi questi concorsi, dopo la chiusura dei termini, le richieste di partecipazione sono risultate quasi 1500, suddivise per 6 bandi ciascuno dei quali per l’assunzione di determinate tipologie. 

LEGGI ANCHE: 

 
Le procedure
Ed ora, attraverso il Piano esecutivo di gestione del Comune emergono quelli che saranno prossimi passaggi per arrivare alla conclusione delle procedure. Per arrivare alla copertura dei 19 posti individuati a Palazzo Arengo, dopo l’ondata di domande pervenute, la tempistica prevista per i prossimi passaggi prevede entro il mese di luglio la definizione del numero di concorrenti ritenuti ammissibili ai vari bandi e l’organizzazione delle eventuali procedure di preselezione per ognuno dei bandi per cui siano pervenute più di 50 domande. Con la necessità di superare tutte le difficoltà legate alle norme di sicurezza per il Coronavirus, a partire dal distanziamento sociale.

Le prove
Perché tutte le prove dovranno tenersi nella massima sicurezza per tutti i partecipanti. Dopo la definizione dei programmi di preselezione entro la fine di questo mese, si prevede di avviare le procedure di preselezione a settembre, per poi procedere successivamente con procedure concorsuali vere e proprie subito dopo. 

I concorsi
I concorsi per titoli ed esami che sono stati avviati e per i quali sono già pervenute le domande sono in totale sei. Un concorso è per 4 istruttori direttivi amministrativi categoria D1, di cui 3 a tempo pieno (di cui uno riservato al personale interno) e un part-time al 66,66%. I tre istruttori direttivi a tempo pieno saranno collocati nei settori lavori pubblici e cultura e il part-time nel servizio Politiche sociali. Altro concorso è previsto per l’assunzione di 3 vigili urbani a tempo pieno (con riserva ai militari volontari congedati). 

Gli istruttori
Ulteriore procedura concorsuale avviata quella che riguarda l’assunzione di 4 istruttori amministrativi, categoria C1, a tempo pieno (di cui 2 riservati al personale interno) che saranno utilizzati per i servizi demografici, per i servizi elettorali, per il servizio Personale e per l’Ufficio protocollo. Ancora una prova selettiva concorsuale servirà ad individuare ed assumere 1 istruttore informatico, categoria C1, a tempo pieno, per il servizio Ced. Si assumeranno con concorso anche 3 istruttori direttivi tecnici, categoria D1, a tempo pieno, per i servizi Sport, Cultura e Sportello unico per l’edilizia (di cui 1 riservato al personale interno). Infine, sono previsti 2 posti per operai generici (categoria B, a tempo pieno) addetti alla guida di mezzi pesanti, di cui 1 riservato a militari volontari congedati e altri due posti per collaboratori di farmacia (1 a tempo pieno e uno part-time 75%) entrambi riservati a militari volontari congedati. 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA