Sms e telefonate anonime
assolta la presunta stalker

Sms e telefonate anonime
alla moglie dell'amante
assolta la presunta stalker
JESI - Per quasi un anno sarebbe stata bersagliata da telefonate e messaggi anonimi. Agli insulti del tipo «sei una cornuta», «mi fai schifo», si sarebbero intervallati inviti a guardarsi bene dai comportamenti tenuti dal marito. Le parole alludevano a presunti tradimenti che in passato le aveva inflitto il coniuge. Vittima del pressing, tra aprile e dicembre 2014, era stata una jesina di 40 anni. Per quanto subito, aveva sporto denuncia alle forze dell’ordine contro ignoti. Poi, la procura aveva individuato la presunta responsabile di quel tallonamento telefonico in una 47enne residente a Jesi, colei che, stando a quanto emerso in aula, avrebbe avuto una relazione fedifraga con il marito della vittima, poi interrotta. Dunque, per vendicarsi della fine della relazione (stabilita dall’uomo) avrebbe reso la vita impossibile a quella che reputava essere una sua rivale in amore. 

La donna è finita sul banco degli imputati con l’accusa di molestie. Ma il movente non è stato sufficiente per determinare una condanna. In udienza, è arrivata l’assoluzione stabilita dal giudice Tiziana Fancello. Anche il pm Valentina Pupo aveva chiesto di scagionare l’imputata, difesa dall’avvocato Gaia Carotti. Decisiva, anche se ancora non sono state rese note le motivazioni del verdetto, sarebbe stata la mancata determinazione dell’autore delle molestie. Di fatto, sono rimaste anonime, perché partite in ogni occasione da cabine telefoniche installate in varie zone di Jesi. 

Impossibile, dunque, attribuire la paternità di sms e chiamate che per otto mesi avevano monopolizzato il telefono della vittima, parte civile tramite l’avvocato Alessandro Sorana. Difficile anche capire se dall’altra parte della cornetta ci fosse un uomo o una donna. Le chiamate, infatti, erano mute. Solo gli sms, anch’essi inviati tramite cabine telefoniche, avevano un contenuto. A volte riportavano insulti («sei una personaccia, «mi fai schifo, sei una cornuta»), a volte intimavano la vittima a stare attenta ai comportamenti del marito, impegnato in presunte liaison fuori dal matrimonio.  Prima della sentenza, la difesa ha depositato agli atti una lettera dove la 47enne sosteneva di essere stata vittima anche lei di molestie telefoniche rimaste anonime. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Marzo 2019, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 20-03-2019 07:35

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO