Maltrattamenti alla neonata
Il pm: «Processate i genitori»

Maltrattamenti alla neonata
con scatti d'ira e scossoni
Il pm: «Processate i genitori»
JESI - Il terribile sospetto è stato confermato da una perizia elaborata dal consulente del Tribunale, in cui si parla di “Abusive head trauma”, conosciuta generalmente come “shaking baby”, sindrome da scuotimento. A forza di scossoni e strattonamenti, dovuti a scatti d’ira, imprudenza o magari per farla smettere di piangere, una giovane coppia del Fabrianese rischia di finire a processo con l’accusa di maltrattamenti nei confronti della figlioletta che oggi ha un anno, ma all’epoca dei fatti era uno scricciolo di appena un mese.

Il pm Valentina Bavai ha chiuso le indagini e chiesto il rinvio a giudizio per entrambi i genitori. Sarà il gup, in sede di udienza preliminare (ancora non è stata fissata) a decidere se processare o meno la coppia di 25enni. I fatti risalgono al febbraio 2016 quando mamma e papà arrivano fino ad Ancona per rivolgersi all’ospedale pediatrico Salesi, preoccupati per le condizioni della loro piccolina, che versava in uno stato di torpore, non mangiava e vomitava spesso. Non era la prima volta, secondo il loro racconto, che chiedevano l’aiuto di un medico: in precedenza avrebbero fatto visitare la neonata anche in altre strutture, ma solo presso l’unità di crisi del Salesi la situazione sarebbe emersa in tutta la sua gravità. I medici hanno subito segnalato il caso ai Servizi sociali, sospettando che la piccolina fosse vittima di abusi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 1 Febbraio 2017, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 01-02-2017 06:10

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO