Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Niente Green pass, stangata su palestre, sale giochi e discoteche: chiuso dai Nas un minimarket non in regola

I carabinieri dei Nas
I carabinieri dei Nas
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Novembre 2021, 09:22

ANCONA - Palestre, sale da gioco, supermercati, discoteche, ma anche piscine, centri estetici e bar. Per molte il Green pass era un optional: delle 35 maxi multe elevate ai danni di 23 attività commerciali, 10 hanno riguardato proprio il mancato rispetto della normativa sull’obbligo del certificato verde per dipendenti e clienti. In tutto, sono stati segnalati 26 soggetti all’autorità amministrativa e sanitaria. In più, sono stati effettuati sequestri per circa 180mila euro relativamente ad altre irregolarità di carattere amministrativo e igienico-sanitario. 


È il bilancio dell’attività svolta dai carabinieri del Nas di Ancona nell’ambito della provincia dorica. I controlli hanno interessato oltre 160 esercizi commerciali ed erano incentrati sul rispetto dell’obbligo del Green pass per l’accesso non solo a determinate categorie di attività e servizi, ma anche ai luoghi di lavoro. Ammonta a circa 25mila euro il totale delle 35 multe di vario genere comminate a carico di 23 attività fuori regola, 10 delle quali proprio perché non conformi alle disposizioni sul Green pass. Per il resto, le contestazioni dei Nas hanno riguardato la mancata applicazione delle altre misure di contenimento del Covid, le operazioni di sanificazione, l’uso delle mascherine, le informazioni agli utenti e agli stessi dipendenti sulle norme di comportamento e di distanziamento.

 
Nel mirino sono finite anche farmacie e ambulatori di analisi della provincia. I militari hanno ispezionato 32 strutture e hanno sanzionato quattro gestori, contestando cinque violazioni amministrative per un importo complessivo di oltre 11mila euro. Nell’ambito dei controlli gli specialisti del Nas di Ancona hanno accertato come non tutte le farmacie o gli ambulatori di analisi attuavano in modo corretto le disposizioni relative alle modalità di esecuzione dei tamponi molecolari anti-Covid e dei test rapidi. 


L’attività congiunta dei militari del Nas e della Compagnia dei carabinieri di Ancona, inoltre, nella scorsa settimana ha puntato i riflettori su bar, ristoranti e attività di ristorazione del capoluogo. In un blitz all’interno di un minimarket di via Flaminia, a poco distanza dalla stazione ferroviaria, gestito da un cittadino nigeriano sono stati pizzicati due clienti che non rispettavano le disposizioni contro la diffusione del contagio: uno faceva spesa nel locale senza indossare la mascherina, l’altro consumava una bevanda alcolica seduto al tavolino, nonostante fosse sprovvisto del Green pass.

Entrambi gli avventori hanno ricevuto una multa da 400 euro a testa, ma è stato punito anche il titolare del negozio: sanzione del medesimo importo e chiusura dell’esercizio commerciale per 5 giorni. Nei giorni scorsi i sigilli erano scattati anche in un bar di corso Carlo Alberto e in un fast food di piazza Ugo Bassi: nel primo caso era stato trovato un cliente senza Green pass seduto ad un tavolo interno a bere una birra, nell’altro un avventore che aveva ordinato da mangiare senza mascherina. Entrambe le attività, ispezionate dai carabinieri, erano state chiuse per 5 giorni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA