Listeria, Mauro Pistello: «Fondamentale saper conservare correttamente gli alimenti»

Nel caso dei latticini, se per esempio vediamo che la confezione è un po’ gonfia oppure se si cominciano a formare delle bolle all’interno del prodotto, è bene non consumarli

Listeria, Mauro Pistello: «Fondamentale saper conservare correttamente gli alimenti»
Listeria, Mauro Pistello: «Fondamentale saper conservare correttamente gli alimenti»
di Graziella Melina
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 21:55 - Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 09:49

Per evitare di contrarre un’infezione da Listeria - spiega Mauro Pistello, ordinario di Microbiologia e Microbiologia clinica all’Università di Pisa - «è importante prestare attenzione alla conservazione degli alimenti».  

Come si trasmette in genere?  

«La Listeria è un batterio molto diffuso nell’ambiente e si trasmette ingerendo latticini e alimenti che non sono pastorizzati o ben conservati».  

L’infezione può essere pericolosa?  

La Listeria può causare infezioni localizzate a livello dell’apparato gastroenterico, ma in qualche caso può creare infezioni gravi, come la meningite, che ha caratteristiche simili a quella causata dal meningococco, ossia rigidità locale, febbre, confusione, perdita di conoscenza. La letalità non è molto elevata, ma se l’infezione non viene riconosciuta subito e non è correttamente trattata si rischia anche la vita. Generalmente, è più frequente che si sviluppi in soggetti immunodepressi, bambini piccoli e anziani”.

Quali sono i sintomi più diffusi?  

«Inizialmente sembra una tossinfezione alimentare, con problemi a livello intestinale. In moltissimi casi si risolve spontaneamente, ma se la situazione perdura o cominciano a esserci segnali di interessamento a livello del sistema nervoso centrale, come per esempio fotofobia o confusione, bisogna subito andare al pronto soccorso».

Precauzioni da adottare?  

«È importante scegliere alimenti che siano stati ben conservati. Nel caso dei latticini, se per esempio vediamo che la confezione è un po’ gonfia oppure se si cominciano a formare delle bolle all’interno del prodotto, è bene non consumarli. Nella maggior parte dei casi potrebbero esserci batteri più o meno innocui, però potrebbe anche trattarsi di Listeria». 

Verificare la data di scadenza non basta?  

«No. Se i cibi non sono ben conservati, oppure per esempio se ci sono segni di alterazione della confezione, se si sente un odore strano, anche se il prodotto non è ancora scaduto secondo la data di indicazione, è bene evitare di consumarli. Nel caso delle salsicce e soprattutto degli insaccati crudi, se non sono ben salati e soprattutto se sono freschi, potrebbero essere una sorgente di infezione». 

Tutto dipende dalla conservazione?  

«Bisogna prestare attenzione alla temperatura del frigo e poi alla modalità di conservazione corretta. Per esempio, molte persone lasciano latticini o formaggi in contenitori non chiusi e magari nel ripiano immediatamente sopra ripongono la verdura appena comprata. Purtroppo, se messo nelle giuste condizioni il batterio può proliferare, crescere e quindi creare danni nel momento in cui si ingerisce l’alimento contaminato. Per evitare dunque l’infezione, oltre alla sicurezza nella catena di produzione alimentare, poi è comunque necessaria una grande accortezza da parte dei consumatori».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA