Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaccino Sinovac autorizzato dall'Oms. Varianti rinominate con l'alfabeto greco

Il vaccino Sinovac è «sicuro ed efficace». L'Oms autorizza il farmaco cinese
Il vaccino Sinovac è «sicuro ed efficace». L'Oms autorizza il farmaco cinese
3 Minuti di Lettura
Martedì 1 Giugno 2021, 17:16 - Ultimo aggiornamento: 19:53

Già ampiamente usato in molti Paesi del mondo, da oggi il vaccino della cinese Biotech Sinovac guadagna l'approvazione d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), che lo omologa come «sicuro, efficace» e conforme agli standard internazionali anche nel processo di produzione. In un comunicato, il comitato indipendente di esperti vaccinali che fornisce i pareri all'agenzia Onu fa sapere che il vaccino - il secondo di produzione cinese approvato dopo il Sinopharm, sdoganato il 7 maggio - è utile per sopperire all'emergenza e somministrabile in due dosi distanziate di quattro settimane alle persone di 18 anni e più. 

 

L'EFFICACIA - Il Sinovac, ha stabilito l'Oms, ha un'efficacia solo del 51% nell'impedire il contagio, ma del 100% nel prevenire i sintomi gravi e il ricovero, secondo i dati della sperimentazione, che tuttavia appare lacunosa nei dati sull'incidenza della copertura nelle persone di 60 anni e oltre. Fra i vantaggi accertati, dice ancora l'agenzia Onu, la facile stoccabilità, che rende il preparato Sinovac adatto all'impiego negli Stati meno ricchi. Ed è infatti già utilizzato in 22 Paesi, frutto della «diplomazia dei vaccini» di Pechino. Fra questi, Turchia, Brasile, Messico, Cile, Thailandia e Tunisia. Il via libera dell'Oms permette infatti al Sinovac di essere utilizzato nel programma Covax, che s'incarica di vaccinare i Paesi a basso reddito, altrimenti esclusi da ogni profilassi. «Il mondo ha disperato bisogno di numerosi vaccini anti-Covid-19 per far fronte alle enormi diseguaglianze in tutto il mondo», ha dichiarato la vicedirettrice dell'Oms Mariangela Simao, incaricata dell'accesso alle cure e ai medicinali, poche ore dopo che un Paese povero come il Perù è balzato in cima alla triste classifica mondiale dei morti per numero di abitanti, costretto a quasi triplicare il numero totale delle vittime da quasi 68 mila a oltre 180 mila dopo un doloroso aggiornamento dei calcoli.

RINOMINATE LE VARIANTI - L'Oms ha anche promosso una piccola rivoluzione, rinominando le varianti - ma solo quelle epidemiologicamente significative per potenziale capacità di diffusione, letalità o resistenza ai vaccini - del coronavirus con le lettere dell'alfabeto greco. La variante cosiddetta indiana diventa così da oggi variante delta, quarta lettera dopo alfa (la mutazione inglese), beta (sudafricana) e gamma (brasiliana). Una nuova denominazione progressiva che dona semplicità e attinenza scientifica alla progressione genetica del virus, senza evocare numeri e definizioni scarsamente comprensibili fuori dalla cerchia scientifica. E che soprattutto toglie una sorta di stigma morale a Paesi - a cominciare dalla Cina dell'iniziale definizione di 'virus cinesè - che hanno semmai avuto il merito di scoprire per primi la nuova variante. Un cambio che infatti è stato apprezzato dall'India.

© RIPRODUZIONE RISERVATA