Usa, incubo sulle montagne russe: un vagone deraglia, due persone precipitano

Venerdì 15 Giugno 2018 di Federica Macagnone
Usa, incubo sulle montagne russe: un vagone deraglia, due persone precipitano

Terrore puro, giovedì sera, sulle montagne russe del parco giochi Boardwalk di Daytona Beach, in Florida. Intorno alle 20.30, mentre scendeva in picchiata, il primo vagone del convoglio ha deragliato, facendo precipitare a terra da un'altezza di undici metri due delle quattro persone a bordo, mentre le altre due sono rimaste appese a testa in giù. I vagoni che seguivano sono rimasti bloccati e diverse persone, dopo un impressionante scossone, sono state sbalzate fuori, riuscendo però miracolosamente ad aggrapparsi ai binari e a evitare la caduta. 
 

 


I vigili del fuoco che si sono precipitati sul posto, dopo essersi arrampicati sulla struttura per recuperare le dieci persone rimaste intrappolate, hanno impiegato mezz'ora per riuscire a portare tutti in salvo. Trenta minuti d'ansia che si sono conclusi, a quanto sembra, nel migliore dei modi, visto che l'incidente avrebbe facilmente potuto provocare una tragedia: meglio non pensare, infatti, a cosa sarebbe potuto accadere se il vagone avesse deragliato nel punto più alto della struttura, collocato a 28 metri. Alla fine il bilancio è stato di sei ricoverati in ospedale: due di loro sono in condizioni critiche, ma sembra che non rischino la vita.

Ora, inevitabilmente, è stata avviata un'inchiesta sull'incidente. L'impianto delle montagne russe del parco giochi ha 40 anni di vita e venne acquistato nel 2013 da un parco divertimenti che era stato chiuso. Nel febbraio 2017, però, venne bloccato in seguito a un'ispezione che appurò moltissimi problemi di sicurezza: parti usurate, cavi non fissati correttamente , bretelle logore, meccanismi danneggiati e via dicendo.

Dopo essere stato sottoposto a lavori di riparazione e ristrutturazione, l'impianto ottenne l'ok per la riapertura. Da allora, però, alla luce dell'incidente di giovedì sera che solo per miracolo non ha fatto registrare morti, sembra che la manutenzione ordinaria e i controlli per la sicurezza non siano stati così assidui come la legge prevede: i responsabili della struttura hanno ottimi motivi per temere i risultati dell'inchiesta appena aperta.

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 22:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA