Chiosco nel parcheggio, insorge il rione di Villa San Martino. E Gambini interroga

Sabato 6 Marzo 2021 di Thomas Delbianco
Il furgoncino della protesta

PESARO Spunta un camion-chiosco nel parcheggio dell’area sportiva di Villa San Martino e la novità non trova grande apprezzamento. Lamentele dei residenti e un’interrogazione in consiglio di Prima C’è Pesaro. «Nessun pre-avviso e installazione senza senso. L’area è già carente di spazi per la sosta, se ne perderanno altri». 

 

 

Non è passato inosservato il camion-chiosco bianco installato davanti al campo da calcio di Villa San Martino, e a fianco dell’impianto del Pentathlon moderno. Sono state richieste spiegazioni all’amministrazione comunale attraverso un’interrogazione depositata dal consigliere comunale di Prima C’è Pesaro Emanuele Gambini: «In tempi rapidissimi e senza nessuna comunicazione, nel parcheggio di via Togliatti, zona del campo sportivo di calcio e della piscina Adriano Facchini, è stato installato con tanto di nuovi allacci, un camion-chiosco. I residenti e la dirigenza dei due impianti hanno chiesto spiegazioni, senza ricevere alcuna risposta. Quella zona è già in sofferenza di parcheggi da sempre. 

Non si comprende il motivo di questa nuova installazione, che porterebbe via, facendo un calcolo approssimativo, tra gli 8 e 10 parcheggi. Quell’area di sosta di Villa San Martino è utilizzata oltretutto anche dai clienti dei negozi delle vicinanze e dal centro medico». Gambini nell’interrogazione chiede alla giunta «quando è stato rilasciato il permesso di installazione di questo camion-chiosco; con quale criterio e come mai la scelta è ricaduta su quell’area; dove era situato in precedenza il mezzo in questione; dove vengono scaricate le acque di scarto; quale è l’affitto che paga il soggetto in questione per l’uso del suolo pubblico; per quanti mesi o anni è stato rilasciato il permesso; come si è espresso il consiglio di quartiere in merito».

L’interrogazione non è iscritta al consiglio comunale in programma lunedì, ma avrà risposta alla prima occasione utile quando si riunirà l’assise pesarese. Fatto salvo il disagio segnalato dai residenti a cui non resta che attendere i tempi lunghi della burocrazia

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA