Dalla macelleria alla Formula Uno, l'escalation di Adria Market che da Gradara "nutre" i campioni della velocità

Camion di Adria Market sui circuiti
Camion di Adria Market sui circuiti
di Gianluca Murgia
2 Minuti di Lettura
Sabato 19 Febbraio 2022, 10:00

GRADARA - Dalla macelleria di Cattolica alla Formula 1 e MotoGp. È una storia da campioni quella dell’Adria Market di Gradara, fondata dalle famiglie Palazzi, Bacchiani e Staccoli nel 1984, a Cattolica, come macelleria. Una escalation che l’ha portata a rifornire hotel e ristoranti e a servirsi di magazzini sempre più grandi: da quello di Gabicce all’attuale di Gradara.

Adria Market serve l’intero comparto Hotel, Ristoranti e Catering, da Pesaro a Riccione, con diversi prodotti di tipo alimentare: secchi, surgelati, frutta e verdure fresche, latticini, salumi e bibite, grazie anche al supporto della Marr, leader in Italia per quanto riguarda la ristorazione e, soprattutto, a validi collaboratori che non fanno parte della famiglia, ma che sono diventati fondamentali per l’azienda, perché grandi professionisti nel proprio campo. «Adria Market entra ufficialmente nelle corse, nel 2017, in Moto GP, perché i titolari del ristorante “Severino & Son”, che ha sede a Montecchio preferivano che la merce partisse da un unico posto in Italia e arrivasse direttamente in circuito - spiegano i responsabili di Adria Market -. Gli altri team hanno notato questo nostro servizio e l’anno seguente, diverse squadre della Moto Gp hanno chiesto il nostro aiuto. Ad oggi serviamo circa il 90% del paddock della MotoGp, quindi il 90% delle cucine della Moto Gp serve piatti preparati con i prodotti che arrivano da Gradara. Nel 2019 è arrivata la Formula 1, e partecipiamo ai test invernali di Barcellona, come fornitore della Renault, oggi Alpine. Poi anche Formula 2, Pirelli, FIA, la Porsche Carrera Cup Italia, il campionato TRC, il Gp di Imola, la Moto Gp a Valencia e la Porsche di Monza. I nostri camion sono già in viaggio per i test invernali della F1 a Barcellona. Siamo orgogliosi di portare il nome di Gradara in F1 e MotoGp».

© RIPRODUZIONE RISERVATA