Il Palio slitta ai primi d'agosto con la Rocca a mezzo servizio

Martedì 25 Giugno 2019
L'EVENTO
PESARO Il Palio dei Bracieri si sposta ad agosto. E resta l'ultimo baluardo di quest'estate per tenere viva la stagione di Rocca Costanza. «Ma non potremo utilizzare il cortile, gara nel fossato, stand e iniziative nei giardini», anticipa il consigliere comunale Massimiliano Santini, il papà del Palio.
L'iter previsto
Nel tunnel buio di questa estate 2019 desolante per Rocca Costanza, tra i problemi burocratici legati al passaggio di gestione, da Demanio ad Archivio di Stato (con tanto di lavori di consolidamento, restauro e adeguamento in corso), e quelli per la sicurezza con la carenza di una seconda uscita per garantire la fruibilità del cortile, si accende la luce del Palio dei Bracieri. Non più nel periodo che ha accompagnato tutte le edizioni della manifestazione tra contrade, cioè l'ultimo weekend di luglio, ma le lancette si spostano ad agosto, nel primo fine settimana (dall'1 al 4 agosto). E d'ora in poi questa sarà la nuova collocazione temporale. In apertura della prima conferenza sul Palio edizione 2019, l'organizzatore e ora anche consigliere delegato agli eventi Massimiliano Santini, non può non fare un cenno alla situazione logistica che dovrà essere modificata per far fronte a tutti i grattacapi che ruotano intorno alla Rocca.
Le problematiche
«Ci sono state problematiche, alcune manifestazioni sono state sospese, ma non il Palio dei Bracieri rassicura subito noi ci siamo salvati perchè organizziamo la manifestazione all'esterno, e quelle poche cose che facevamo all'interno, le porteremo fuori. Il Palio continua per fortuna, per la Rocca l'Amministrazione comunale sta lavorando affinchè le piccole problematiche da risolvere possano far sì che questo luogo diventi il contenitore più grande che abbiamo in città per i nostri eventi. La gara con i bracieri domenicale verrà mantenuta nel fossato, mentre gli eventi che di sera animavano il cortile della Rocca, si sposteranno nella zona dei giardini circostanti dove verranno sistemati, come negli ultimi anni, anche gli stand dei quartieri». Tra le novità di questa edizione, l'App Palio. «E' uno strumento, come lo sono tutte le app, per snellire l'attività fatta da tutta l'organizzazione spiega Christian Ricciarini di Officine Marchigiane - Non deve essere una cosa figa, ma qualcosa che funziona, qualcosa che serve per comunicare in modo istantaneo».
Scaricabile
L'app Palio è scaricabile in ambiente Android e Ios. Tra le funzioni, «c'è la possibilità di contattare un capocontrada con una mail o un numero di cellulare continua Ricciarini - Per chi arriva da fuori Pesaro, e magari abita da poco in città, si può sapere a quale contrada appartiene». E ancora, visibili con un click sul proprio smart-phone, tutte le news del Palio, l'albo d'oro, concorsi e tornei, «ai quali ci si può iscrivere on-line, ma anche effettuare le votazioni per Miss Palio, miglior braciere, coreografia, video di contrada, miglior addobbo di quartiere, strand gastronomico, dog edition. L'app va a pescare anche tutte le informazioni che vengono pubblicate attraverso gli altri canali. E ogni contrada potrà caricare i propri prodotti di merchandising, per una forma di autofinanziamento». Per il 2020, Ricciarini vuole ampliare l'applicazione sul tema sicurezza «un'asticella che dobbiamo tenere alta. Per il prossimo anno vorremmo che l'app diventi uno strumento di controllo delle persone che ci saranno all'interno del fossato». Francesco Zanotti ha realizzato i poster con gli elementi principali del Palio, tra cui ci sarà un torneo ufficiale di freccette tra i quartieri.
La collaborazione
«Ho utilizzato per questa grafica uno stile a specchio dice Zanotti - L'evento sta crescendo molto e si presta a questo stile cartoon, perchè è un appuntamento ricco di colori». Santini ha poi ricordato che anche quest'anno ci sarà la collaborazione tra Palio dei Bracieri e Avis. Inoltre, nell'estate in cui è stato sdoganato il calcio femminile, andato anche in prima serata sulla tv di Stato per seguire le gesta della nazionale italiana ai mondiali, non poteva non tornare il torneo di calcio femminile, che ogni lunedì sera anima di tifo e colori i campetti di Baia Flaminia. «Abbiamo proposto uno sport prettamente maschile sono le parole dell'organizzatrice Giulia Paianini - Non mi sarei mai immaginata di raggiungere questo entusiasmo».
Thomas Delbianco
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA