Sanità, una task force per la riorganizzazione: nominati nove esperti. Gozzini presidente dell'Unità di progetto

Sanità, una task force per la riorganizzazione: nominati nove esperti. Armando Gozzini presidente dell'Unità di progetto
Sanità, una task force per la riorganizzazione: nominati nove esperti. Armando Gozzini presidente dell'Unità di progetto
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Settembre 2022, 05:20

ANCONA Nove esperti per la task force che dovrà traghettare il sistema regionale sanitario verso la nuova riorganizzazione decisa dal governo Acquaroli con la legge approvata in Consiglio l’8 agosto. Nove esperti coadiuvati dagli attuali vertici della Sanità, da dirigenti e tecnici di settori legati a questo enorme processo di cambiamento e da altri due professori degli Ospedali Riuniti.

È questo il senso e la struttura della nuova Unità di progetto varata dalla giunta regionale nei giorni scorsi, che opererò almeno fino al prossimo 31 dicembre quando - secondo i piani del governatore e dell’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini - la riorganizzazione dovrebbe essere compiuta. 
I tempi
Entro la fine dell’anno infatti nelle Marche si arriverà alla soppressione della Azienda sanitaria unica regionale (Asur), alla valorizzazione delle aree vaste attraverso la creazione di cinque Ast (Aziende sanitarie Territoriali), ciascuna con propria personalità giuridica e alla riconfigurazione dell’Agenzia Sanitaria Regionale (Ars). Per ciascuna Ast è prevista una delimitazione territoriale che riprende l’articolazione delle precedenti Aree vaste e l’Azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti Marche Nord” viene incorporata nell’Azienda sanitaria territoriale di Pesaro e Urbino. 
Come funziona

«Per ottimizzare ed efficientare la spesa riconducibile agli Enti del Servizio sanitario regionale - hanno spiegato Acquaroli e Saltamartini nella conferenza stampa di presentazione - si prevede di costituire all’interno dell’Agenzia regionale sanitaria, una apposita unità organizzativa, altamente specializzata, a supporto del soggetto aggregatore regionale (Suam) nell’espletamento delle procedure di acquisto da avviare nell’interesse di uno o più Enti del Servizio sanitario». Oltre alle 5 Aziende provinciali rientrano nella nuova organizzazione l’Azienda ospedaliera universitaria delle Marche e l’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per anziani (Inrca) di Ancona. Per arrivare a definire i dettagli del cambiamento la giunta regionale ha quindi deciso di costituire una Unità di progetto con a capo Armando Gozzini (direttore Dipartimento salute) e composta da Maria Bonaventura (direttore Dipartimento programmazione integrata, Ue e Risorse finanziarie, umane e strumentali), Filippo Masera (dirigente Direzione Sanità e integrazione socio sanitaria), Monica Moretti(dirigente Direzione Bilancio, Ragioneria e Partite finanziarie), Daniela Del Bello (dirigente Direzione Risorse umane e strumentali), Caterina Navach (dirigente Settore Suam), Stefania Ambrosini (dirigente Settore Controllo di gestione e sistemi statistici), Alessandro Mengoni (dirigente Settore Spesa Sanitaria e Sociosanitaria), Paolo Aletti (dirigente Settore Affari generali Ars). L’unita di progetto può avvalersi di ulteriori collaborazioni con il professore Albano Nicolai e con il dottor Roberto Papa degli Ospedali Riuniti di Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA