Il parco archeologico di Suasa
e il Passetto i due "luoghi del cuore"

Giovedì 21 Gennaio 2016
L'area archeologica di Castelleone di Suasa

ANCONA - Il Parco archeologico regionale di Suasa a Castelleone di Suasa e la costa del Passetto, le grotte e le scogliere della Seggiola del Papa di Ancona sono i due 'luoghi del cuorè su cui saranno realizzati interventi di valorizzazione fra quelli votati da oltre 31 mila cittadini delle Marche per l'iniziativa del Fai (Fondo ambiente italiano) e Intesa Sanpaolo. Un censimento a cui, a livello nazionale, hanno partecipato 1,6 milioni di persone per un totale di 23 progetti scelti per l'anno 2014.

«La scelta di restaurare i beni - ha spiegato in una conferenza stampa Alessandra Stipa, presidente del Fai Marche - viene fatta nell'ottica della fruizione da parte dei cittadini. Un terzo progetto, quello per il recupero del Monastero degli Zoccolanti di Corridonia, segnalato da più di 11 mila cittadini, non è stato scelto perchè al momento non esiste un progetto per la fruizione nei termini previsti dal Fai. Sul monastero, ci siamo comunque confrontati in un tavolo e il ministero dei Beni culturali ha dato la disponibilità a un finanziamento».

Un altro 'luogo del cuorè valorizzato dal Fai è quello della Chiesa di San Filippo Neri di Fermo, dove sono stati restaurati il portale in pietra istriana, la cappella dell'abside sinistra e la navata centrale, ancora in corso. Per Castelleone di Suasa, che ha ricevuto 3.340 segnalazioni, l'intervento sarà di 10.400 euro per il terzo e ultimo lotto dei lavori, che inizierà in primavera, della 'Domus dei Coiediì. Per il Passetto, 2.500 segnalazioni, l'intervento di 10 mila euro contribuirà al progetto di recupero paesaggistico, condotto dal Comune di Ancona, che s'inserisce nella riqualificazione della costa dell'area. «Il valore di questa iniziativa - ha detto l'assessore regionale a Turismo e Cultura, Moreno Pieroni - è che contribuisce a sviluppare il legame fra turismo e cultura anche per creare sviluppo economico nella nostra regione». Giorgia Muratori, segretario regionale Beni culturali per le Marche, ha sottolineato come «sia soprasoglia il livello di attenzione e di sensibilità dei cittadini marchigiani che credo abbiamo scelto con difficoltà fra la bellezza dei tanti luoghi del cuore di questa regione».

L'iniziativa del Fai, per il soprintendente dei Beni archeologici di Umbria e Marche, Mario Pagano, dimostra «l'importanza di una tutela attiva, non solo conservativa, dei beni culturali e paesaggistici». Enrico Giorgi, docente dell'Università di Bologna e presidente del Consorzio città romana di Suasa, ha sottolineato «il valore del sito di Suasa anche per il suo essere un cantiere didattico che ha formato generazioni di archeologici». Maurizio Urbinati, assessore ai Lavori pubblici del Comune di Ancona, ha ricordato che l'iniziativa del Fai si inserisce «nel progetto di recupero della falesia del Passetto per restituire alla città uno dei luoghi più amati».

Ultimo aggiornamento: 15:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA