Fratelli d'Italia nelle Marche, il partito mattatore pesca dagli alleati e dagli esuli del M5S:
+ 180mila voti sul 2018, Lega - 93mila

Fratelli d'Italia nelle Marche, il partito mattatore pesca dagli alleati e dagli esuli del M5S: + 180mila voti sul 2018, Lega - 93mila
Fratelli d'Italia nelle Marche, il partito mattatore pesca dagli alleati e dagli esuli del M5S: + 180mila voti sul 2018, Lega - 93mila
4 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 02:50 - Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 17:11

Immaginatevi una squadra che, quattro anni fa, neanche entrava in Champions League, navigando a 30 punti dalla vetta. E ve la ritrovate oggi a dominare il campionato, moltiplicando per sei la propria performance e staccando tutti di almeno 10 punti. La metamorfosi di Fratelli d’Italia nelle Marche, dalle Politiche 2018 a quelle di domenica, supera qualsiasi precedente di squadre prodigio, outsider capaci di diventare mattatori. Il partito di Giorgia Meloni, che già nel 2020 aveva issato un suo esponente, Francesco Acquaroli, al governo regionale, balzando al 18,66% dei voti, continua la sua irresistibile ascesa avvicinandosi al 30% e superando di 3 punti il dato nazionale, già oltre le aspettative. 


La crescita record


FdI non solo mette alle corde i partiti avversari, con il Pd che annaspa al 20% e i Cinque stelle che rispetto al 2018 (dato della Camera) ha perso due terzi degli elettori. Ma con una crescita record (dai 43.300 voti del 2018 a oltre 222mila) spariglia le carte anche nel campo del centrodestra (salito da 293mila elettori a 340mila) fagocitando l’elettorato di Forza Italia e soprattutto della Lega, oltre che pescare dal bacino dei transfughi dal campo pentastellato. L’analisi dei flussi elettorali che hanno innescato questo ribaltone marchigiano sarà affinata nei prossimi giorni, ma già adesso emerge - ad esempio da un’analisi condotta su scala nazionale dal Centro italiano studi elettorali della Luiss - che a gonfiare il risultato di Fratelli d’Italia, quei 180mila elettori in più rispetto al 2108, sono stati flussi da più direzioni. Non era facile crescere così tanto, in voti assoluti, in un campo elettorale regionale smagrito, che ha perso rispetto alle precedenti politiche 118mila votanti, con un’affluenza scesa dal 77,20% al 68,39%. FdI sottrae oltre la metà dei suoi voti alla Lega, che rispetto al 2018 qui ha perso più di 93mila voti, con un crollo dal 17,3% al 7,9. Oltre che travasare elettori verso le fila meloniane, il partito di Salvini nelle Marche potrebbe aver ceduto una quota all’astensionismo. Su Fratelli d’Italia ha virato di sicuro parte dei sostenitori di Forza Italia, che nelle Marche ha perso 36.500 voti per la Camera, scendendo dal 9,9% al 6,8%. E visto che il centrodestra comunque è cresciuto complessivamente di 47mila voti, Fratelli d’Italia deve aver pescato consensi anche in campo avverso, soprattutto dall’elettorato che nel 2018 lanciò i Cinque Stelle a un risultato record, con oltre 316mila voti e un 35,5%. In quattro anni si sono persi quasi 213mila elettori pentastellati, che secondo le prime analisi hanno fatto crescere l’astensionismo e (in misura minore) si sono riversati sul Pd. Ma l’anima più populista del Movimento fondato da Grillo potrebbe essersi indirizzata anche su FdI. Il Pd in percentuale ha perso appena un punto (dal 21,33 al 20,37% alla Camera) ma stavolta aveva “in pancia” anche i voti di Leu, che nel 2018 nelle Marche aveva ottenuto quasi il 3%, 26mila voti. Nonostante il rinforzo, il Pd scende da quasi 190mila voti a 155.263 e il centrosinistra nel complesso perde 12.400 voti.


Gli alluvionati


Nel saldo di circa -35mila democrat, avrà pesato qualche travaso verso Azione-IV, +Europa e il non voto. Il partito degli astenuti d’altra parte, per la prima volta alle Politiche, è il leader delle Marche, con il 31,6%, nonostante un’affluenza di oltre 4 punti sopra la media nazionale (63,91%). Rispetto alle Politiche del 2001 (affluenza all’84,2%) nelle Marche si sono eclissati 266mila elettori. Si temeva che ad alimentare il rifiuto delle urne fosse anche la rabbia nei territori colpiti dall’alluvione. Ma nella media l’affluenza in quei Comuni ha tenuto e le reazioni sono state molto diverse: Serra Sant’Abbondio è stato il comune marchigiano con l’affluenza più bassa (59%), mentre tra quelli con più votanti c’è Castelleone di Suasa (73,4%). 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA