In isolamento 7mila sintomatici, le Usca tornano in prima linea con 22 unità in tutte le Marche. Un piano per potenziare il servizio

In isolamento 7mila sintomatici, le Usca tornano in prima linea con 22 unità in tutte le Marche. Un piano per potenziare il servizio
In isolamento 7mila sintomatici, le Usca tornano in prima linea con 22 unità in tutte le Marche. Un piano per potenziare il servizio
4 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Gennaio 2022, 04:05

ANCONA - Sos Usca. In piena quarta ondata, scarseggiano le Unità speciali di continuità assistenziale, attive sul territorio dall’aprile del 2020, che si occupano dei pazienti contagiati dal Covid a livello domiciliare. E nelle Marche sono oltre 7.200 le persone in quarantena con i sintomi.

Se nei picchi pandemici del 2021 le Marche erano arrivate ad avere 34 equipaggi operativi nelle cinque province, adesso il numero è sceso a 22. In Consiglio regionale, rispondendo ad un’interrogazione del Movimento 5 stelle, l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini ha annunciato che sono «in via di potenziamento», ma il problema di fondo resta: i fronti da coprire nella guerra al virus sono tanti ed il personale medico chiamato a gestirli è sempre lo stesso. Difficile, così, arrivare dappertutto. Dei 22 equipaggi – ogni equipaggio è composto da due medici – che al momento stanno coprendo l’intero territorio regionale, 5,5 sono nell’Area vasta 1 di Pesaro Urbino, nove nell’Av2 di Ancona, tre nell’Av3 di Macerata, 2,5 nell’Av4 di Fermo e due nell’Av5 di Ascoli Piceno.


Le differenze
Nei dati in cui è presente la virgola, si fa riferimento ai mezzi turni, quando invece di 12 ore ne fanno sei, come nel caso dei prefestivi. «Il servizio Usca nella nostra regione viene rimodulato a seconda delle necessità organizzative per la gestione del Covid – ha fatto presente Saltamartini in aula –. Lo scorso anno erano 30 unità e nel massimo della pandemia gli equipaggi erano arrivati a 34. Con l’estate, il numero è calato di pari passo alla diminuzione dei contagi ed alla conseguente minor necessità di assistenza domiciliare. È ripartito nelle scorse settimane. Gli equipaggi sono coordinati dai medici di medicina generale, ma sono composti da medici che sono chiamati a garantire anche il servizio di continuità assistenziale e quello di vaccinazione negli hub – sottolinea il titolare della delega –: vengono spostati a seconda delle esigenze. Nel 2020, con il Dl 34, erano stati stanziati 2,7 milioni per il pagamento delle Usca, mentre la Regione ne ha messi 9.930.000 come cofinanziamento. Attualmente, invece, la Finanziaria ha previsto risorse molto inferiori fino a giugno. Nell’Area vasta 1 c’è una particolare situazione di carenza». Risposta che non ha soddisfatto la capogruppo pentastellata Marta Ruggeri, secondo cui «22 equipaggi in piena quarta ondata sono insufficienti, si doveva provvedere prima. Dopo due anni, ritrovarsi in queste condizioni è inaccettabile: è come se fossimo al primo giorno di pandemia e l’impressione è che qualcosa sia sfuggito».


L’organizzazione
Le Usca rappresentano la sottile linea rossa tra la cura tra le mura domestiche ed il ricovero in ospedale, con un monitoraggio costante ed una terapia declinata sui singoli soggetti. Sono loro a stabilire se un contagiato che presenti sintomi sia candidabile all’utilizzo degli anticorpi monoclonali o a cure domiciliari come la pillola anti Covid. «La criticità maggiore è proprio questa – spiega il dottor Massimiliano Luzi, dell’Usca di Ancona Centro –: intercettare i pazienti candidabili ai monoclonali ed al Molnupiravir (la pillola anti Covid, ndr) perché con questa incidenza molto alta, il medico di medicina generale deve essere molto bravo a capire subito chi può riceverli. Sono terapie con timing molto preciso e restrittivo, dunque prima si inizia, meglio è. Il Molnupiravir in particolare, che deve essere preso entro 5 giorni dall’esordio dei sintomi. Per i monoclonali, invece, parliamo di 10 giorni». Luzi conferma che, «clinicamente, i vaccinati vanno meglio, quindi le ospedalizzazioni riguardano soprattutto pazienti non vaccinati» e fa un appello: «non assumete cortisone nelle prime fasi della malattia, può solo peggiorarne il decorso. Fatelo solo su consiglio del medico».


m. m.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA