Morto a 70 anni Luigi Iannucci storico direttore di Confindustria Macerata

L'ex direttore di Confindustria Macerata Luigi Iannucci
L'ex direttore di Confindustria Macerata Luigi Iannucci
di Luca Patrassi
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 04:05

MACERATA - Problemi di salute da alcuni anni, il Covid lo scorso anno e una serie di complicazioni: tragicamente fatale quella polmonare di ieri contro la quale nulla hanno potuto i medici dell’ospedale di Macerata dove era ricoverato da pochi giorni. È morto così nel primo pomeriggio di ieri Luigi Iannucci, maceratese di 70 anni, sposato, tre figli, notissimo per aver iniziato la sua vicenda professionale da manager alla Frau di Tolentino ed averla conclusa nel 2015 come direttore della sede maceratese di Confindustria

 

Laureato in Giurisprudenza, Luigi Iannucci aveva iniziato la sua carriera appunto all’interno della Poltrona Frau a Tolentino, poi era entrato in Confindustria Macerata, prima come dirigente e poi man mano salendo di livello fino ad arrivare al ruolo di direttore, che aveva ricoperto per tanti anni prima del pensionamento nel 2015. Negli ultimi anni le sue condizioni di salute erano andate peggiorando e il Covid contratto un anno fa lo aveva debilitato ancor di più nelle funzioni polmonari. Le sue condizioni erano però rimaste tutto sommato buone fino a tre giorni fa, quando d’improvviso, senza alcuna avvisaglia, la situazione è precipitata. Un malore improvviso nel cuore della notte, quindi il ricovero d’urgenza all’ospedale di Macerata, dove è rimasto per alcuni giorni. Ma per Iannucci non c’è stato nulla da fare: è spirato ieri nel primo pomeriggio. 

Il funerale è stato fissato per oggi alle 16.30 nella chiesa del Sacro Cuore. Con Iannucci passa in archivio un tratto della grande storia di Confindustria Macerata, quella che ha visto in prima fila i più grandi imprenditori del territorio, ed anche un pezzo di storia cittadina: il modo di fare e lo stile di Luigi Iannucci hanno infatti lasciato un segno indelebile. Prima del saluto arrivava il suo sorriso, sempre e comunque, era il suo tratto distintivo, il suo biglietto da visita. Un sorriso che ieri si è spento ma che resta negli occhi di chi lo ha conosciuto e stimato, nel cuore della sua famiglia. 

Tanti i messaggi di cordoglio e di vicinanza arrivati alla famiglia appena diffusasi la notizia della morte di Luigi Iannucci, oggi il rito funebre nella chiesa del Sacro Cuore sarà l’ultima occasione per essere un’ultima volta accanto a una persona che ha sempre saputo muoversi con stile e garbo, col sorriso dietro a una porta sempre aperta a tutti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA