Etf, metalli e oro contro la tempesta perfetta

Etf, metalli e oro contro la tempesta perfetta
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 12:00 - Ultimo aggiornamento: 7 Luglio, 08:42

«L’inflazione è alta in modo indesiderabile e resterà tale per un certo periodo». C’è da credere alle parole di Christine Lagarde.

Neanche il presidente della Bce sa davvero però quanto durerà questo «certo periodo». Allora meglio attrezzarsi. Il primo suggerimento, in questi casi, dice BG Saxo è «investire». Questo perché «i rendimenti che si ottengono permettono di conservare il tuo potere d’acquisto». Certo, le ultime settimane hanno riservato sorprese negative sia alle obbligazioni che alle azioni. E l’algoritmo per difendersi dal rischio inflazione-tassi-recessione non è facile da trovare. Ma BG Saxo ha individuato tre idee utili per combattere l’inflazione, senza rimanere vittima del calo dei mercati. Con un’ulteriore avvertenza. Tempi così incerti richiedono estrema cautela e una buona dove di diversificazione del portafoglio.

ETF LEGATI ALL’INFLAZIONE

 La prima opzione per difendere i risparmi dal caro-prezzi è l’investimento in obbligazioni indicizzate all’inflazione. «Se, ad esempio, investi in un ETF (Exchange Traded Fund) il cui sottostante è rappresentato da obbligazioni indicizzate all’inflazione, otterrai un’esposizione il cui capitale aumenterà con l’indice dei prezzi al consumo. Ciò significa che il valore dello strumento aumenta se l’inflazione aumenta», spiega Peter Garnry Head of Equity Strategy. Naturalmente un rischio è da mettere comunque in conto: «Se l’inflazione scende, lo farà anche il valore, e tassi di interesse più elevati influiranno negativamente anche sulle obbligazioni protette dall’inflazione». Un’altra via può essere quella di scommettere su ampi prodotti di base. Le materie prime sono l’input più basilare per tutto ciò che produciamo, e quindi anche i loro prezzi hanno una connessione relativamente forte con l’inflazione. Ad esempio, sottolinea Ole Hansen, Head of Commodities, «qualsiasi cosa, dalla costruzione di una casa, una nuova auto alla tanto necessaria trasformazione verde, richiederà un’abbondanza di metalli industriali dall’alluminio e dal rame al litio e al nichel. Ed è probabile che i relativi prezzi i rimangano sostenuti nonostante il rischio recessione». Infine, l’oro è da sempre un porto sicuro quando i tempi si fanno difficili. Perché storicamente fortemente connesso con l’inflazione e perché capace di proteggere contro la perdita del potere d’acquisto. Ma, se in precedenza era necessario acquistare il metallo fisico, oggi ci sono prodotti a base di oro che puoi facilmente negoziare online. Purché chi investe «sia consapevole del tipo di prodotto e si assicuri di comprenderne i rischi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA