Zaia chiude la porta ai no-vax: «Non faranno più tamponi nelle Asl»

Zaia chiude la porta ai no-vax: «Non faranno più tamponi nelle Asl»
Zaia chiude la porta ai no-vax: «Non faranno più tamponi nelle Asl»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 09:45

Niente tamponi gratis ai no-vax, ma no anche all'obbligo vaccinale, mentre sì al super Green pass. Il presidente del Veneto Luca Zaia è netto. «Ci sono le priorità e in questa fase con un'alta circolazione del virus siamo arrivati quasi al collasso dei tamponi per uso diagnostico». Così, in un'intervista a 'La Stampa', il governatore giustifica la scelta dei test vietati ai non vaccinati nelle Asl.

LEGGI ANCHE

Gnudi non cede sui no-vax, un nuovo post. L’assessore a Marche Nord: dirottare medici dai reparti al pronto soccorso

LEGGI ANCHE

Sì e no-vax, malati oncologici e vaccini, medici e pronto soccorso: ecco che cosa c'è dietro il silenzio della Regione

Da sempre grande sostenitore della vaccinazione, Zaia ritiene però che «l'obbligo vaccinale non ci porta da nessuna parte» e sarebbe una strada difficilmente percorribile. «Come si attuerebbe l'obbligo vaccinale: facciamo dei Tso a chi si rifiuta?», si domanda. Il governatore è un deciso sostenitore del super Green pass, che «nasce dalla necessità di non chiudere e di salvaguardare la salute», spiega. Nella sua regione, «l'80% di quelli in terapia intensiva sono non vaccinati così come il 55% degli ospedalizzati nei reparti normali», riporta Zaia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA