Venezia, a spasso con il cane in orario di lavoro:
dipendente comunale licenziata

Venezia, a spasso con il cane in orario di lavoro: dipendente comunale licenziata
di ​Michele Fullin
1 Minuto di Lettura
Domenica 27 Agosto 2017, 10:29 - Ultimo aggiornamento: 15:01

VENEZIA - Tolleranza zero sull'orario di lavoro. E chi sgarra paga. Il principio è stato applicato dal Comune di Venezia nei confronti di una dipendente di 62 anni: nel 2015 era stata denunciata per essere più volte uscita durante l'orario di servizio per svolgere compiti estranei ad esso (tra cui portare a spasso il cane) e ora, dopo che ha patteggiato la pena lo scorso maggio, è stata licenziata. Il procedimento disciplinare avviato dall'amministrazione guidata dal sindaco Luigi Brugnaro è andato avanti alla velocità della luce e si è concluso in pieno periodo di ferie, pochi giorni fa.

La dipendente in questione era salita agli onori delle cronache lo scorso aprile, quando la Procura chiuse le indagini sul suo conto e ne chiese il processo. Le venivano contestate una trentina di ore di assenza ingiustificata dal lavoro per una decina di episodi tra marzo e maggio 2015, durante i quali era stata pedinata, fotografata e filmata mentre svolgeva commissioni personali, molto spesso portando in giro il suo cane, tra gli episodi contestati anche la visita di una mostra d'arte sull'isola di San Giorgio Maggiore. La dipendente era inquadrata in un ufficio amministrativo della Polizia locale e avrebbe avuto comunque possibilità di muoversi nell'ambito del suo lavoro per questioni istituzionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA