Meningite fulminante: ragazzo di 22 anni muore in due giorni. Sotto profilassi 14 contatti stretti

Meningite fulminante: ragazzo di 22 anni muore in due giorni. Sotto profilassi 14 contatti stretti
Meningite fulminante: ragazzo di 22 anni muore in due giorni. Sotto profilassi 14 contatti stretti
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 13:54

E' morto nella giornata di venerdì un ragazzo di 22 anni, residente a Castelfranco Veneto (Treviso), per una meningite da meningococco fulminante. I primi sintomi si sono manifestati mercoledì 23 marzo, caratterizzati da rinite ed sangue dal naso. Giovedì sono subentrate febbricola, cefalea, stanchezza marcata, vomito. Poi nel corso della notte tra il 24 marzo ed il 25 marzo la situazione si è aggravata con comparsa di difficoltà respiratoria, dolore e debolezza agli arti inferiori e macchie al tronco ed al volto. Prontamente portato al Pronto soccorso e sottoposto agli accertamenti e cure del caso è morto in mattinata.

Gli accertamenti

Hanno confermato il sospetto diagnostico di malattia invasiva da meningococco responsabile il sierotipo B. La malattia invasiva da meningococco, causata dal batterio neisseria meningitidis, ha una incubazione che può essere al massimo di 10 giorni, ma in media l’incubazione è di 4 giorni e si trasmette per via respiratoria con il contatto diretto da persona a persona attraverso le goccioline respiratorie. Nella maggior parte dei casi il batterio vive senza causare problemi nelle prime vie respiratorie, ma in alcuni casi può provocare malattie severe come la meningite, la setticemie o entrambe. La segnalazione di una meningite da meningococco comporta l’immediata attivazione di specifiche misure di igiene e sanità pubblica: inchiesta epidemiologica per l’individuazione dei contatti da sottoporre a sorveglianza sanitaria, ed eventualmente a chemioprofilassi.

Chemioprofilassi per 14 contatti stretti

Nel caso specifico, una volta ricevuta la segnalazione, il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica si è prontamente attivato con l’indagine epidemiologica. Al momento sono stati individuati 14 contatti stretti, familiari ed extrafamiliari, che sono stati sottoposti a chemioprofilassi. Si ribadisce che la chemioprofilassi è indicata solo per i contatti stretti individuati attraverso la indagine epidemiologica. I contatti stretti sono: persone conviventi, persone direttamente esposte alle secrezioni respiratorie del paziente, soggetti che hanno dormito nella stessa abitazione del paziente, contatti prolungati e ravvicinati con il paziente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA