Bolletta record per il gas, l'Enel chiede 27mila euro a un operaio

Sabato 25 Gennaio 2020
Bolletta record per il gas, l'Enel chiede 27mila euro a un operaio di Salzano

SALZANO (VENEZIA) - Bolletta record del gas, 27mila euro da pagare per un impiegato di Salzano. Sul caso è intervenuta l'Adico. 

Un errore? Macché, A.S., 50 enne impiegato di Salzano si è sentito rispondere da Enel Energia che la bolletta era frutto di ricalcoli (leggi, conguagli) che coprivano il periodo 1 settembre 2010 – 31 gennaio 2019. L’uomo ha da subito chiesto spiegazioni, poi ha inviato una domanda di prescrizione dal 2010 al 2017, dato che per legge si possono chiedere agli utenti somme arretrate solo andando indietro di massimo due anni e infine, non avendo ricevuto risposta, si è rivolto all’Adico.

LEGGI ANCHE:

Riscuote il reddito di cittadinanza, ma aveva un autosalone e 78 auto intestate

L’ufficio legale dell’associazione ha dunque scritto a Enel Energia, contestando la somma richiesta e invocando la prescrizione. Proprio ieri l’azienda ha risposto spiegando di avere analizzato la fattura e di aver riscontrato che “la stessa è stata emessa a seguito di un blocco nell’emissione delle fatture pertanto è stato possibile portare avanti la richiesta di prescrizione”. Così, “in ottemperanza a quanto stabilito dalla legge di bilancio 2018, con la delibera dell’autorità di Regolazione per l’ Energia Reti e Ambiente 97/2018 Arera, sono stati ridotti a due anni i tempi di prescrizione per tutte le fatture di energia elettrica con scadenza maggiore al 1° Gennaio 2019”. Il fornitore si è scusato con il suo cliente ammettendo il proprio errore.

La bolletta è stata sì stornata, ma la cifra richiesta all’impiegato di Salzano resta tutt’altro che irrisoria (e di difficile comprensione): 13.946 euro. Ma com’è possibile? “Continueremo a contestare la fattura – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – e ci auguriamo di arrivare presto a una risoluzione del problema, anche perché abbiamo di fronte un interlocutore, Enel Energia, con il quale esiste un dialogo più che proficuo. La domanda che vogliamo fare è molto semplice. Se per il periodo prescritto, 2010-2017, sette anni,  il nostro socio avrebbe speso  circa 13 mila euro, stornati ora dalla fattura, com’è possibile che per i due anni non prescritti – 2017/18 e 2018/19 – abbia speso addirittura di più, quasi 14 mila euro? C’è qualcosa che non va, è evidente. circa 7 mila euro di riscaldamento all’anno è una follia e siamo sicuri che presto la bolletta subirà una nuova, importante decurtazione”.

Bolletta da svenimento per il gas: scopre che pagava anche per gli altri condomini

 

Ultimo aggiornamento: 19:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA