Danni e minacce alla vicina di casa, una coppia finisce sotto processo

Martedì 16 Marzo 2021
Danni e minacce alla vicina di casa, una coppia finisce sotto processo

ASCOLI - Moglie e marito finiscono davanti al giudice accusati a vario titolo di danneggiamento, minacce e molestie nei confronti della proprietaria del terreno confinante. Ieri mattina la coppia, difesa dall’avvocato Umberto Gramenzi, è comparsa davanti al giudice Di Valerio.

 

I fatti risalgono tra il mese di marzo ed agosto del 2019 fino a gennaio dello 2020 a Roccafluvione quando, secondo l’accusa, moglie e marito si sarebbero resi protagonisti nei confronti della donna che ha la proprietà confinante. Stando alla ricostruzione dell’accaduto, il marito avrebbe più volte minacciato la vicina di prenderla a bastonate per poi insultarla pesantemente. Inoltre, in più occasioni, i due coniugi avrebbero messo in atto alcune azioni moleste rimuovendo i paletti posti al confine delle due proprietà, rimuovendo anche il filo che era stato posto per delimitare i terreni e non paghi di ciò avrebbero anche buttato della cenere nelle vicinanze del cancello d’accesso. Inoltre, sempre secondo quanto sostenuto dall’accusa, la coppia sarebbe stata responsabile anche di altre azioni dettate dal profondo risentimento manifestato nei confronti della vicina.

Cattivi rapporti tra confinanti che sarebbero degenerati anche con danneggiamenti. Sarebbero stati loro, infatti, ad aver tagliato i rami di un acero di grandi dimensioni che si trovava nella zona ma non ricadente all’interno della loro proprietà ma in quella della donna proprietaria del podere adiacente. Fino a quando, la vicina, arrivata al culmine della sopportazione, ha deciso di rivolgersi alla Procura. Nel corso del processo, durante l’udienza che si è svolta ieri, la donna, assistita dall’avvocato Mauro Gionni, si è costituita parte civile. Il giudice ha quindi aggiornato il processo al 27 settembre e, in quella occasione, verrà ascoltata la parte lesa. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA