Sosta a pagamento lungo il Viale della Vittoria: lavori programmati in estate, il ticket entro l’anno

Mercoledì 26 Maggio 2021 di Fabrizio Romagnoli
Sosta a pagamento lungo il Viale della Vittoria: lavori programmati in estate, il ticket entro l anno

JESI  - Via entro l’anno alla sosta a pagamento lungo viale della Vittoria. È l’auspicio dell’assessora ad ambiente e mobilità sostenibile, Cinzia Napolitano. «Mi auguro - spiega l’assessora - che si possa partire almeno entro la fine del 2021. Intanto conto che in tempi brevi, entro l’estate, si possa procedere ai lavori per il ridisegno degli spazi di parcheggio in un’area che attualmente assomiglia ad una giungla.

LEGGI ANCHE:

In Comune scatta l'ora delle assunzioni: 14 nuovi ingressi con 200 persone in coda per 2 posti all’anagrafe

 


Per passare alla sosta a pagamento ci vorrà di più, tenuto conto che occorrerà anche che JesiServizi, che ha firmato ora il contratto per la gestione, avvii un bando di gara per i parchimetri e quant’altro serve per i controlli». Dal canto suo la società partecipata del Comune JesiServizi, alla quale è affidata anche la gestione dei parcheggi blu, è in via di definizione del progetto necessario alla luce del previsto raddoppio degli stalli dove sarà previsto il pagamento: dagli attuali 650 a 1.244. Poi serviranno bando e gara d’appalto. Ma la previsione fa già discutere.

Lungo viale della Vittoria, alla luce di quelli che sono i suggerimenti del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, è già scattata la raccolta firme fra residenti e operatori economici contro l’idea di una possibile pista ciclabile che sottrarrebbe spazi alla sosta, unendosi a quelli già scomparsi per fare spazio anche qui ai dehors delle attività commerciali. «Rileviamo- evidenziano i firmatari – l’enorme difficoltà e criticità, sia per la già diminuzione di circa 100 posti auto, sia per la volontà nella realizzazione di una pista ciclabile come da Pums, con riduzione delle corsie e intasamento del traffico e per la necessità di superare a zig-zag i dehors presenti. Chiediamo una revisione congiunta del Pums per il superamento di tali criticità e comunque di attendere il completamento del piano parcheggi».

Ma sul Piano della Mobilità, al centro dell’attenzione anche per la suggerita introduzione di zone 30 (in Consiglio domani una interrogazione di Andrea Binci del Pd), Napolitano ribadisce: «Siamo ancora nella fase in cui, in merito al Pums, il protocollo comunale sta ricevendo le osservazioni dei cittadini. Nulla è stato definito o deciso e non lo sarà prima di un confronto e di una condivisione coi residenti delle aree interessate. Vale anche per le zone 30: non si introducono dall’oggi al domani ma della loro utilità devono essere convinti per primi i cittadini, che si ritroverebbero con zone di residenza riqualificati e più vivibili, con più spazio per la mobilità di pedoni e bici».


Sugli stalli blu, al netto dei tempi, non ci sono ripensamenti. «Destinato a passare a pagamento anche il Mercantini- spiega l’assessora- ma saranno previste differenze di tariffe e agevolazioni». Passerebbero in blu, oltre ai 320 posti del park coperto Mercantini gratuito da anni, i 123 stalli alle Conce e altri 306 in viale della Vittoria, dove si pagherebbe nel tratto fra via Gramsci (il cavalcavia) e via Vittorio Veneto (l’ex Ospedale). Rispetto ad oggi, sosta invece gratis a Piazza Baccio Pontelli e lungo la costa del Montirozzo, riservati ai residenti del centro storico.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA