Roma, la squadra all’inizio stregata poi annichilita dallo Special. Il rischio è la crisi di rigetto

Roma, la squadra all inizio stregata poi annichilita dallo Special. Il rischio è la crisi di rigetto
Roma, la squadra all’inizio stregata poi annichilita dallo Special. Il rischio è la crisi di rigetto
di Gianluca Lengua e Stefano Carina
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Febbraio 2022, 00:05

Non è la prima volta che Mourinho si lascia andare a sfoghi così diretti con la squadra, come quello raccontato ieri dal Corriere dello sport. Era accaduto già in estate, dopo la gara di Trieste, alla quale era seguita, il giorno seguente, una riunione pre-allenamento nella quale il tecnico aveva chiesto un radicale cambiamento di mentalità e di atteggiamento, richiamando il gruppo ad un concetto a lui molto caro: la mancanza di personalità. Un leit-motiv che si era riproposto nel post-Bodo, quando Mancini e Pellegrini - a seguito del clamoroso ko per 6-1 - avevano dovuto mediare alla sfuriata dello Special One negli spogliatoi, rincuorando soprattutto Kumbulla, Villar e Mayoral, tra i più bersagliati dal tecnico. In tempi più recenti, i 7 minuti del ribaltone juventino all’Olimpico, hanno creato un altro confronto. Perlopiù tecnico stavolta. Così nell’analizzare il gol di Dybala e nell’intravedere responsabilità di Veretout, il centrocampista ha replicato, dando vita ad uno scambio di battute abbastanza acceso. Sino ad arrivare all’altra sera a San Siro quando è andato in scena un copione già ascoltato nei toni e nei modi. In Norvegia il paragone era stato con i calciatori del Bodo e della serie B («Non siete in grado di giocare nemmeno lì»). A Milano sono stati declassati a «uomini senza palle che devono giocare in serie C».


PADRONE ASSOLUTO

Al di là del cambio di serie, quella di Mou è una strategia ormai nota: umiliare i calciatori per scatenare una loro reazione. E sin qui, chi più chi meno, avendo ormai imparato a conoscere il modus-operandi dello Special One, anche l’altra sera ha ‘accettato’ le durissime parole del portoghese. «Cose da spogliatoio» che come tali dovevano rimanere entro le quattro mura. E invece, il fatto che siano finite in pasto ai media, non è piaciuto alla squadra. La domanda che circolava ieri al Fulvio Bernardini, è chi poteva trarre giovamento a far trapelare una cosa così intima che andava a ledere esclusivamente la reputazione dei giocatori stessi, ritenuti gli unici colpevoli dell’eliminazione dalla coppa Italia. Non certo loro. Un attrito che si somma alle perplessità di alcuni elementi della rosa sulla gestione troppo ‘muscolare’ del portoghese. Si racconta che dopo una sconfitta, i calciatori evitino addirittura di passare davanti al suo ufficio. Insoddisfazione che si allarga anche ad alcune scelte tecniche e metodologie di campo, ritenute ormai sorpassate. Un malcontento non espresso direttamente ai ‘piani alti’ per due motivi: in primis perché non c’è un referente societario con il quale confrontarsi. Pinto viene visto infatti come una figura troppo vicina all’allenatore mentre i Friedkin non entrano per principio sulle questioni tecniche o nei rapporti tra José e squadra. Mourinho, poi, ad oggi è il padrone assoluto di Trigoria e continua ad avere l’appoggio della maggior parte del tifo. Segnali che i giocatori, o chi li segue, percepiscono. Ci si chiede, a questo punto, quanto durerà. E se a un certo punto ci sarà uno strappo. La parabola dall’esaltazione dei primi tempi alla possibile crisi di rigetto di questi giorni ricorda tristemente le esperienze già vissute al Manchester e al Tottenham, solo che qui va maledettamente più veloce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA