Vaccini Covid e influenzale, rischioso farli a breve distanza? Cosa bisogna sapere (e il nodo varianti)

Martedì 14 Settembre 2021 di Simone Pierini
Vaccini Covid e influenzale, rischioso farli a breve distanza? Cosa bisogna sapere (e il nodo varianti)

L'Italia si avvia verso la somministrazione della terza dose del vaccino anti Covid. Si parte il 20 settembre e i primi a ricerverlo saranno i cosiddetti "fragili", ovvero le persone appartenenti alle categorie di malati oncologici e trapiantati. Sarà il primo passo verso una campagna che verrà poi allargata al resto della popolazione a distanza di circa sei mesi dalla seconda dose. Nella fase iniziale però, la terza iniezione avverrà in contemporanea con l'avvio della profilassi anti influenzale che, storicamente, coinvolge in gran parte le stesse categorie di persone a rischio e anziani. «Una coincidenza che non deve incutere alcun timore tra le persone interessate», spiega l'infettivologo Stefano Vella, docente di Salute Globale all'università Cattolica di Roma e presidente Aifa dal 2017 al 2018. 

 

Luca Zaia: «La vaccinazione Covid resta volontaria»

 

Vaccino Covid e influenza, cosa bisogna sapere

 

Professor Vella, è possibile farli a distanza di poco tempo?

Assolutamente sì, il nostro sistema immunitario è in grado di assimilare i vaccini e distingue la risposta degli anticorpi che avviene singolarmente. Già da tempo facciamo più di un vaccino insieme, soprattutto da bambini. Anzi, spesso con una sola iniezione come il trivalente e l'esavalente, profilassi che esistono da anni. 

 

Vaccini, Lombardia prima regione italiana a raggiungere l'80% del ciclo completo

 

Ci sarà un vaccino unico per Covid e influenza in futuro? 

È probabile e lo stanno già preparando. Moderna ha già annunciato la sperimentazione, ma anche le altre case lo stanno facendo, è la strada del futuro. E non è una cosa nuova, la trivalente, appunto, è una sola puntura. L'esavalente anche. Non è per oggi, ma potrà accadere. 

 

 

Perché è importante fare il vaccino antinfluenzale?

L'influenza, come il Covid, colpisce gli anziani e i fragili. Lo scorso inverno è praticamente scomparsa grazie a mascherine, a conferma della loro utilità, e isolamento a casa. Ora però non sappiamo ancora cosa accadrà nei prossimi mesi. E l'influenza non è uno scherzo, pericolosa per anziani ma non solo. Per questo consiglio il vaccino antinfluenzale anche ai più giovani. È importante per non confondere i sintomi tra Covid e influenza. Togliamocela dalle scatole ed evitiamo altri problemi. 

 

 

 

Sul vaccino Covid, tra no vax e titubanti molti over 50 sono scoperti.

Non capisco come facciano a non vaccinarsi. In ospedale ormai ci finiscono quasi solo persone non vaccinate. Il vaccino protegge dalla malattia e dalla morte a percentuali altissime, i dati sono chiarissimi. E anche se fossi un giovane non vorrei prendermi il Covid, è un virus ancora poco conosciuto, molto pericoloso anche per ciò che potrà provocare a lungo termine.

 

 

Il vaccino Covid può proteggere anche dall'influenza? 

No, questo non è stato provato. 

 

Ora si parte con la terza dose, che ne pensa?

I richiami si fanno da sempre, è normale. Facciamo un esempio facile: il tetano. Se ti ferisci e arrivi in pronto soccorso ti fanno subito il vaccino anti tetano per rinforzare la risposta protettiva. Fare una terza dose per dare una maggiore copertura contro il Covid sarà utile. 

 

 

Quanto dura la protezione?

Dopo un po' l'immunità cala, soprattutto per l'infezione mentre sembra ancora resistere contro malattia e decesso. Il dosaggio del vaccino anti Covid sarà tre dosi ed è probabile che con le varianti ci si dovrà vaccinare tutti gli anni. 

 

 

A proprosito di varianti: prima la Delta, poi la Mu. I vaccini come rispondono?

Al momento i vaccini funzionano anche contro la Delta, con la Mu lo vedremo se mai arriverà. Ma le case farmaceutiche stanno lavorando a nuovi vaccini che saranno in grado di contrastare tutte le varianti che sopraggiungeranno, perché è probabile che ciò accada. Pensate proprio all'influenza: il vaccino cambia ogni anno perché il ceppo muta.

 

Faremo il vaccino contro il Covid ogni anno?

È una possibilità sì.  

 

 

Simone Pierini

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 17:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA