Rod Stewart: «Sesso? Ne ho sempre fatto troppo. Alla fine è diventato noioso»

Rod Stewart presenta il suo nuovo album "Tears of Hercules", canzoni d'amore e di sesso inedite per ricordare a tutti che il sesso dovrebbe essere divertente

Venerdì 5 Novembre 2021
Rod Stewart: «Sesso? Ne ho sempre fatto troppo. Alla fine è diventato noioso»

«Ho un ginocchio nuovo di zecca», annuncia allegramente Sir Rod Stewart mentre flette le gambe vestite con pantaloni bianchi attillati. «Mick Jagger ha una nuova valvola cardiaca. Elton ha un nuovo fianco. Tutti i vecchi vengono rimessi insieme. Riparati e rimessi in viaggio!» A 76 anni, Rod Stewart, dopo essere stato 'aggiustato', ha presentato il suo nuovo album. Tears of Hercules offre una selezione vigorosa di canzoni d'amore e di sesso principalmente scritte da lui, piene di eleganti groove da discoteca, ballate ricche di sentimento e rock grintosi, tutti interpretati dall'inimitabile e roca voce di Stewart. E lo ha presentato nel suo stile, sempre al di sopra delle righe. 

 

 

Un video per il suo singolo più recente, One More Time, è stato ampiamente deriso sui social media per aver raffigurato il settantenne scintillante che interagiva in modo civettuolo con un gruppo di giovani donne avvenenti con la metà dei suoi anni. «Questa è la mia band», ride, sprezzante. «Non sono state scelte per la loro bellezza. Suonano, cantano e ballano tutti. Anche i ragazzi della band non sono male!».


Il tema della canzone è il sesso con una ex: «Non l'ho mai fatto», dichiara. «Davvero non l'ho mai provato. Quando ho finito con una donna, ecco, è davvero finito. Sto abbastanza bene così. Ma siamo stati tutti tentati». Un'allegra canzone dal sapore caraibico,invece, è Gabriella che evoca i ricordi di un'avventura di una notte con un'amante diciannovenne, mentre lo strepitoso inno al ballo Kookooaramabama propone numerosi luoghi per farlo, tra cui treni, aerei, automobili e cimiteri e suggerisce agli ascoltatori di «provarlo in cucina quando i bambini sono fuori. La lussuria spontanea è ciò di cui si tratta. Sono senza imbarazzo e senza vergogna», replica Rod Stewart.

 

«Sto solo ricordando a tutti che il sesso dovrebbe essere divertente. L'ho sempre cantato. Sempre. Qualcuno deve fare questo duro lavoro e io l'ho fatto!» Riguardo alla sua libido nei suoi anni avanzati, dice: «Beh, non è più quello di una volta. Ma io amo davvero le donne. Amavo Marilyn Monroe quando avevo otto anni. Ritagliavo le sue foto dal giornale. E ho continuato a farlo per tutta la vita».


«Gli anni '70 sono stati fantastici - prosegue Rod -. Era un'era edonistica. L'era delle scop**e!» La gioia sfacciata di Stewart per il suo successo è parte del suo notevole fascino. Quando gli viene offerto un elenco di caratteristiche della rock star degli anni '70 (ville, automobili, droga, sesso, capelli grandi, pantaloni attillati), si batte la coscia con gioia: «Li ho tutti!». In quegli anni c'era la sensazione che le strutture di classe venissero capovolte, quando un ex operaio di fabbrica del nord di Londra è diventato ricco e famoso, vendendo centinaia di milioni di dischi in tutto il mondo.

 

«Il calcio e la musica erano i due degli unici modi per uscire dalle strade. Eravamo eroi della classe operaia». Tuttavia, quell'era dell'indulgenza tende ad essere considerata con un occhio più scettico e giudicante, adesso, in particolare per quanto riguarda lo sfruttamento delle giovani donne. Stewart è indifferente. «Non ho fatto assolutamente niente di male. Non ho mai fatto sesso con nessun minorenne, non ho mai costretto nessuno a fare sesso. In effetti, il sesso era sempre troppo per me, c'era sempre e diventava noioso. C'erano molte belle donne, ma non avevamo niente da dire alla fine della serata. Desideravo una donna nella mia vita, desideravo avere una storia d'amore, una relazione che fosse molto più profonda del semplice sesso. E l'ho finalmente trovata».

 


 

Ultimo aggiornamento: 15:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA