La legge non è uguale per tutti, ci sono ancora gli intoccabili

La legge non è uguale per tutti, ci sono ancora gli intoccabili
di Marco Barbieri
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Febbraio 2022, 11:32 - Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 10:52

Chiunque offende l’onore o il prestigio di un magistrato in udienza è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

L’onore e il prestigio, che siano di un magistrato o di un cittadino senza titoli, sono concetti preziosi, ma non facilmente codificabili. Eppure, è il codice penale (articolo 343) a prevedere la fattispecie sotto forma di reato. Il lessico viene dagli anni Trenta, infatti la norma è stata definita nel 1930, un giacimento del “codice Rocco”, ma nonostante sia stata rimaneggiata in anni recenti (2019) è rimasta la fattispecie che ritiene qualche cittadino più uguale di altri. Ne sa qualcosa Kelly Duda, giornalista americano (e qui è la sua fortuna), rinviato a giudizio per aver rivolto a un pm la frase seguente: «In my country, what you did today as a prosecutor would be disgraceful». Traduzione: «Nel mio Paese, quello che lei ha fatto oggi come procuratore sarebbe considerato vergognoso». I fatti risalgono al dicembre 2017. Era in corso il processo “Poggiolini-Marcucci” per le vicende di alcuni presunti traffici di sangue infetto. Duda aveva svolto un’inchiesta negli Stati Uniti, nelle carceri dell’Arkansas, da dove era stato prelevato sangue commercializzato poi senza verifiche e senza scrupolo. Il giornalista Usa era stato chiamato dalle parti civili per testimoniare, riferendo alcuni dettagli del suo reportage, che avrebbero potuto dimostrare i collegamenti tra lo scandalo americano e i presunti illeciti in Italia. Bisogna dire che il procedimento a Napoli si concluse con l’assoluzione degli imputati. Ma in questo caso il problema non è chi avesse ragione o torto, né tantomeno dove fosse la verità processuale, ma perché l’opinione di un cittadino, legittima a parer nostro, dovesse essere ritenuta pregiudizievole dell’“onore” e del “prestigio” di un magistrato.

Il pm, secondo Duda, fece domande inadeguate, probabilmente non considerava utile la testimonianza del giornalista, di fatto il reporter Usa fece il commento citato e il magistrato per tutta risposta lo denunciò in forza dell’articolo 343 del codice penale. Provò anche a trattenere il giornalista, proponendo l’immediata detenzione. Fu chiaro subito che non c’erano i presupposti per una limitazione della libertà personale. Ma questo non ha impedito l’avvio della macchina giudiziaria. Nel 2019 rinvio a giudizio, pochi giorni fa la prima udienza, la seconda è prevista in luglio. Duda è contumace, ma ha fatto sapere che in estate sarà presente in aula. Fosse capitato a un cittadino italiano?

© RIPRODUZIONE RISERVATA