Stufa a gas difettosa. Due fidanzati morti nel sonno: uccisi dal monossido di carbonio

Lunedì 14 Dicembre 2020
Stufa a gas difettosa. Due fidanzati morti nel sonno: uccisi dal monossido di carbonio

ARSIE' (BELLUNO) - Una tragedia che ha sconvolto l’intero paese. Ad Arsiè ieri due i morti uccisi dalle esalazioni del monossido di carbonio sprigionato da una stufa a gas probabilmente difettosa. 


IL DECESSO
 

Adriano Faoro di Arsiè e Sabrina De Pellegrin di Belluno sono, infatti, morti insieme nella notte fra sabato e domenica nel sonno a causa dell’inalazione del monossido di carbonio emanato da una stufa presente all’interno della casa di via San Sebastiano ad Arsiè. Un killer silenzioso che non ha lasciato scampo ai due. Una tragedia che ha sconvolto l’intera comunità arsedese, dove viveva l’uomo insieme ai due figli, ma anche quella bellunese, dove abitava la donna.

La serata

 

 

Adriano Faoro risedeva in un’abitazione in via I Maggio ad Arsiè insieme ai due figli, Alessio e Manolo. Da qualche tempo frequentava Sabrina De Pellegrin di Belluno. Sabato sera i due hanno deciso di passare la serata insieme e hanno scelto l’altra abitazione di Adriano, quella in via San Sebastiano che da qualche tempo l’uomo stava ristrutturando dedicandovi tempo e investimenti. Da quanto si apprende all’interno dell’abitazione c’era una stufa a gas che serviva per riscaldare l’ambiente in questa stagione fredda. Durante la notte il suo malfunzionamento potrebbe aver fatto sprigionare Il monossido di carbonio, gas inodore che può essere letale, come lo è stato in questo caso. I due, probabilmente addormentati, non si sono accorti di respirarlo e hanno prima perso i sensi per poi perdere la vita.


La scoperta


Poco prima di mezzogiorno di ieri è scattato l’allarme. Non vedendo per cosi tante ore l’uomo, sembra che alcuni amici si siano insospettiti e abbiano tentato di chiamarlo al telefono, senza successo. Ecco quindi che è scattata la chiamata di aiuto. Sul posto sono giunti in poco tempo i carabinieri della stazione di Arsiè e successivamente i vigili del fuoco del distaccamento di Feltre seguiti dall’ambulanza del 118 inviata dall’ospedale Santa Maria del Prato di Feltre. È stato necessario rompere il vetro della porta per entrare nella casa di via San Sebastiano. Una volta all’interno i sanitari non hanno potuto però far altro che constatare il decesso della coppia. La causa della morte è apparsa chiara e per questo le salme sono state subito messe a disposizione dei familiari. Il nulla osta è stato dato dal pubblico ministero di turno Marta Tollardo. Le indagini da parte dei carabinieri di Arsiè comandati dal maresciallo Walter Buttigliero e dei vigili del fuoco sono in corso per escludere ogni possibilità.


Le vittime


Adriano Faoro, 52 anni, era un uomo schivo e riservato. Sposato per alcuni anni da tempo era separato. Era padre di due figli Alessio, vent’anni, e Manolo di sedici. Dopo la separazione l’uomo si è trasferito in via I Maggio insieme ai figli. Adriano lavorava all’azienda Hydro di viale Montegrappa a Feltre, dov’era apprezzato per il suo impegno e la sua dedizione. Inoltre l’uomo era un grande appassionato di calcio, seguendo le partite a livello locale ma soprattutto delle grandi squadre di serie A. Lascia anche la mamma e due sorelle. Da qualche tempo sembra frequentasse Sabrina De Pellegrin, 54 anni, residente a Belluno. La donna lavorava per una ditta di pulizie della provincia.

Le vittime


 

Ultimo aggiornamento: 09:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA