L'esorcista rivela: «Così si riconosce
se una persona è posseduta dal demonio»

L'esorcista rivela: «Così si riconosce se una persona è posseduta dal demonio»
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2016, 13:02 - Ultimo aggiornamento: 13:55

FOGGIA - Un esorcista esperto ha pubblicato le linee guida per individuare le differenze tra le persone che soffrono di disturbi mentali e quelle che, invece, sono possedute dal demonio.  

Padre Cipriano de Meo, da Foggia, ha praticato esorcismi per più di 64 anni e ha ora ha spiegato come fa ad individuare le vittime del male.  

Come ci si potrebbe aspettare, padre de Meo è convinto che la preghiera sia la chiave per stabilire se le persone che si trovano al suo cospetto sono realmente possedute.  

Padre de Meo ha spiegato al Catholic News Agency: "L'esorcista in genere dice una preghiera prolungata fino al punto in cui se l'avversario (il demone) è presente, c'è una reazione". Secondo il religioso, questa reazione spesso include "espressioni facciali, parole o gesti e soprattutto bestemmie contro Dio e la Madonna".

Padre de Meo ha anche sottolineato come la Chiesa Cattolica creda che la malattia mentale e il possesso siano molto diverse: "L'esorcismo è diretto alla espulsione dei demoni o a liberare dall'influenza demoniaca, attraverso l'autorità spirituale che Gesù ha affidato alla sua Chiesa. La malattia, in particolare malattia psicologica, è una questione molto diversa - e occuparsene è compito della scienza medica".

Pertanto, prima di celebrare l'esorcismo, è importante accertarsi che si sia alla presenza del Maligno, e non di una malattia. Basandosi sulla sua vasta esperienza, padre de Meo ha anche avvertito che tutti gli esorcismi sono diversi, e che i sacerdoti sono tenuti a seguire una formazione intensiva prima di poter affrontare sapientemente una presenza demoniaca.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA