Abusi sessuali sulle modelle durante i servizi fotografici di biancheria intima: arrestato

Abusa delle modelle durante i servizi fotografici di biancheria intima: arrestato
Abusa delle modelle durante i servizi fotografici di biancheria intima: arrestato
2 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 12:00

La Polizia ha tratto in arresto un quarantenne aquilano, colpito da ordinanza di misura cautelare  degli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di L’Aquila, per aver posto in essere atti di violenza sessuale nei confronti di giovani aspiranti modelle, anche minorenni.

L’attività investigativa ha avuto origine nel mese di giugno 2022, a seguito della denuncia-querela sporta da una ragazza che lamentava di essere stata oggetto di “attenzioni particolari” da parte di un fotografo professionista durante la realizzazione di un photobook per pubblicizzare della biancheria intima.

Il racconto

A seguito del racconto, personale della Sezione Reati, ha iniziato una delicata attività di indagine che ha portato a scoprire che il professionista in questione era solito utilizzare metodi deontologicamente discutibili, quali palpeggiamenti e sfregamenti delle parti intime del corpo delle giovani modelle. I discutibili servizi fotografici venivano svolti presso diverse località di L’Aquila e di tutto il territorio nazionale, in relazione a determinati eventi moda o pubblicitari e shooting fotografici.

Le testimonianze

Attraverso la testimonianza di altre giovani modelle, che hanno lamentato il comportamento poco professionale e sessualmente esplicito dell’uomo, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire un vero e proprio modus operandi del fotografo. Quest’ultimo, sfruttando la sua professione di fotografo professionista, particolarmente attivo nella realtà aquilana, anche con alcune testate giornalistiche, e abusando della sua posizione di superiorità derivante dalla differenza di età e, in alcuni casi, anche dalla promessa di un lavoro, durante i servizi fotografici compiva atti di violenza sessuali consistenti nel palpare il seno o i glutei delle modelle ovvero tentare approcci sessuali, arrivando a diffondere, sui principali social network, foto che ritraevano le giovani ragazze in topless, senza il loro consenso.

Così, dopo aver valutato le esigenze cautelari sottese alla vicende, il gip ha accolto la richiesta di applicazione della misura cautelare, inoltrata dalla locale Procura della Repubblica, disponendo nei confronti dell’arrestato la misura degli arresti domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA