Esofago "interrotto" nei neonati, l'intervento record al Bambino Gesù: magneti per ripararlo senza bisturi

Esofago "interrotto" nei neonati, l'intervento record al Bambino Gesù: magneti per ripararlo senza bisturi
4 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Ottobre 2022, 12:29

Un metodo innovativo e decisamente più ‘dolce’ per curare senza bisturi l‘atresia dell’esofago nei neonati. A descriverlo sono i medici dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, che hanno analizzato sul Journal of Pediatric Surgery i primi 5 casi italiani, trattati presso l’Ospedale, su un totale di soli 25 descritti nella  letteratura scientifica. Tutti e 5 i piccoli, fanno sapere dall’ospedale, oggi stanno bene e sono tornati a casa dopo la procedura interventistica con i magneti. Finora all’Ospedale della Santa Sede sono stati trattati 8 bambini, tutti sotto i 6 mesi: 3 provenivano dal Lazio, 2 dalla Puglia, 1 dalla Calabria, 1 dalla Sicilia e 1 dalla Lombardia.

Diabete: tra le cause potrebbe esserci anche la solitudine. La insospettabile scoperta

Malformazione rara

Ma che cos'è l'atresia esofagea? E' una malformazione che riguarda circa un bambino su 2500-4000 nati e consiste in una interruzione dell'esofago, il canale che porta il cibo dalla bocca allo stomaco. Nella gran parte dei casi questa anomalia si associa alla presenza di una comunicazione tra esofago e trachea (il tubo che fa passare l'aria nei polmoni) che si chiama fistola tracheoesofagea. Quando la fistola tracheoesofagea non c'è, cioè nel 10-15% del totale, la distanza tra i due monconi dell'esofago è più ampia e si parla di atresia esofagea long-gap. È questa variante meno comune dell'atresia dell'esofago a poter essere trattata con la magneto-anastomosi.

Che così la magneto-anastomosi

Grazie all’azione di due magneti, posizionati alle estremità dei monconi esofagei, è possibile ristabilire la continuità dell’esofago senza ricorrere a interventi chirurgici. I primi 5 bambini trattati dall’Ospedale, tutti sotto i 4 mesi, sono stati descritti sulla rivista. La magneto-anastomosi è una tecnica innovativa e non invasiva che consente di trattare, senza ricorrere a intervento chirurgico vero e proprio, l’atresia dell’esofago nella sua variante meno comune, quella senza fistola tracheo-esofagea, nota anche come “long-gap”.

Si effettua posizionando i magneti, due calamite di 0,5 cm di diametro, nella parte finale dei due monconi non comunicanti dell’esofago. Uno viene posizionato nel moncone superiore, utilizzando un sondino morbido e passando attraverso la bocca, l’altro viene posizionato nel moncone inferiore facendo passare un altro sondino analogo attraverso una piccola apertura per l’alimentazione presente all’altezza dello stomaco. I bambini con atresia dell’esofago long-gap, infatti, devono essere nutriti temporaneamente in modo artificiale fino alla risoluzione del problema.

Grazie ai magneti, i due monconi dell’esofago sono spinti uno verso l’altro, controllando il movimento sotto guida radioscopica, fino a farli avvicinare quanto basta perché i due magneti si attraggano grazie alla forza generata dal campo magnetico.

L’intervento dura in media circa un’ora rispetto alle 2/4 ore della tecnica chirurgica classica. Nel giro di una settimana circa, la pressione esercitata dai magneti “erode” le pareti dell’esofago aprendo il passaggio tra moncone superiore e inferiore. Contemporaneamente, grazie al contatto prolungato, i due monconi si saldano tra loro. Ora dunque l’esofago è “continuo” e “pervio”, cioè aperto. Al termine di questo processo, i due magneti vengono rimossi semplicemente sfilando il tubicino morbido sul quale erano stati posizionati. Il bambino viene quindi subito rialimentato per bocca e sottoposto ad alcune sedute di dilatazione dell’esofago (così come accade quando si usa la tecnica chirurgica classica).

I vantaggi “sono molteplici – spiega Pietro Bagolan, direttore del Dipartimento medico-chirurgico del feto-neonato-lattante – Oltre a evitare lo stress e le possibili conseguenze (dolore postoperstorio, ferita chirurgica pur se minima ecc.) di un intervento chirurgico classico o mininvasivo toracoscopico, i bambini hanno anche un decorso molto più semplice e spesso anche molto più rapido prima di poter finalmente mangiare naturalmente per bocca. Inoltre, non si creano cicatrici, neppure interne, legate all’accesso chirurgico classico. Questo rende più semplici ed agili eventuali futuri interventi per l’assoluto rispetto della anatomia del torace e del mediastino, la delicata regione anatomica in cui è alloggiato l’esofago”.

Prossimamente partirà uno studio multicentrico internazionale, per sviluppare e testare nuovi magneti appositamente brevettati per l’uso clinico, che dovrebbero essere in grado di ridurre tale rischio. Lo studio, fanno sapere dal Bambino Gesù (che vi parteciperà) durerà 2 anni circa e coinvolgerà 6 centri nel mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA