La giornata più importante e attesa da tutta la città si aprirà alle

Giovedì 15 Agosto 2019
La giornata più importante e attesa da tutta la città si aprirà alle 11.30 al Duomo con la messa pontificale. Alle 15 il corteo storico partirà da piazza per arrivare in viale Vittorio Veneto. Dalle 17 via alla corse. Nella pausa tra le batterie ci sarà l'esibizione della cavallerizza Loretta Minollini in sella al suo cavallo arabo Zaff. Tensione alle stelle per la finalissima, con le cinque contrade qualificate che si contenderanno il Palio dipinto da Giorgio Crepas. La lunga giornata della Cavalcata si chiuderà in piazza con la festa della vittoria e il concerto di Andrea Ripani e i Marinai di Foresta. Aspettando di scoprire la contrada vincitrice, è partito il totoscommesse. E le storiche rivalità si sono riaccese. Quella tra Torre di Palme e Pila, un tempo gemellate e con un'unica tifoseria, ma che ora sono acerrime nemiche. E quella tra Castello e Campolege: un antagonismo che sarebbe legato a fatti di cuore.
I pronostici
Proprio i giallofucsia sono tra i favoriti per la vittoria. Ambra da Clodia, il mezzosangue estratto da Campolege, secondo gli esperti, avrebbe buone possibilità. Nella terna dei papabili ci sono anche Romanzo per Anna e Brigrantes. Tutti e due hanno corso il Palio pure l'anno scorso. Oggi difenderanno i colori, rispettivamente, di San Martino e Molini Girola. Ma sorprese potrebbero riservarle anche Uva Passa (Campiglione), Tintoretto (Fiorenza) e Zenia Zoe (Torre di Palme, a bocca asciutta dal 2003). Gli altri abbinamenti sono: Pampheros Baio con Capodarco, Su Re con Castello, Pila con Tottubellu e San Bartolomeo con La Gioconda. Con la vittoria dell'anno scorso, Fiorenza (due cenci conquistati negli ultimi tre anni) ha portato a quattro il numero di successi, raggiungendo Campiglione e Campolege. Nell'olimpo dei vincitori c'è San Bartolomeo, con sei palii. I rossoneri non vincono dal 2004 e quest'anno sono particolarmente agguerriti.
L'albo d'oro
Seguono Capodarco e Torre di Palme con cinque vittorie. Castello e Molini Girola finora ne hanno collezionate tre, San Martino due. In fondo alla classifica c'è Pila, con un solo successo, ottenuto nel 1982 alla prima edizione del Palio. Anche quest'anno i biancocelesti proveranno a infrangere la maledizione che da trentasette anni li tiene lontani dalla vittoria.
Francesca Pasquali
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA