Strage Straburgo, grave giornalista italiano Antonio Megalizzi, 28 anni

Grave giornalista ferito alla testa: è Antonio Megalizzi, 28 anni
Strasburgo, sono gravi le condizioni del giornalista italiano Antonio Megalizzi ferito alla testa da Cherif Checatt: ha 28 anni, di Trento e lavora  per Europhonica, un network radiofonico universitario che trasmette le assemblee plenaria dell'Europarlamento.

A confermare il ferimento è la Farnesina dopo che l'aveva riferito il deputato europarlamentare del Pd Brando Benifei, rimasto all'interno del Parlamento, chiuso dalla polizia. «Ho notizia purtroppo di un giovane giornalista radiofonico italiano che conosco fra i feriti»  scrive Benifei sul proprio profilo Facebook.

I COLLEGHI
"Con Antonio - riporta il sito del quotidiano Alto Adige - c'erano le colleghe Caterina Moser, di Trento,  e Clara Rita Stevanato, veneta, che sono scappate dopo avere udito gli spari perdendo il contatto con Megalizzi". Lo afferma il collega Nicola Pifferi, anche lui di Trento, direttore di Sanbaradio ed executive producer and head of programme di Europhonica, il programma radiofonico di informazione europea per cui lavora il giovane trentino ferito nell'attentato.

Lo afferma il collega Nicola Pifferi, anche lui di Trento, direttore di Sanbaradio ed executive producer and head of programme di Europhonica, il programma radiofonico di informazione europea per cui lavora il giovane trentino ferito nell'attentato.




Ad assistere Megalizzi è arrivata intanto la fidanzata Luana Moresco, riporta sempre il sito del quotidiano Alto Adige, subito partita in auto per Strasburgo una volta appresa la notizia. Con lei il padre e la madre del giornalista, Domenico e Annamaria, e la sorella Federica. La fidanzata è figlia di un assai conosciuto ristoratore trentino ed è  stata candidata per Forza Italia alle Regionali.

Megalizzi, la cui famiglia è originaria della Calabria, ha lavorato anche per Radio 80 ForeverYoung, la sede Rai del Trentino e a Rtt La Radio. Dopo il liceo scientifico a Trento e la laurea triennale a Verona, si è specializzato in Studi internazionali a Trento, dove abita.


EUROPHONICA
«Riguardo allo staff italiano di Europhonica a Strasburgo e al collega ferito: non possiamo confermare alcuna notizia sulla sua salute attuale». Lo afferma in un post su Fb la redazione di 'Europhonicà, la radio dove lavora il giornalista italiano rimasto ferito nell'attentato di Strasburgo.

«Chiediamo ai colleghi della stampa di rispettare la privacy del nostro collega. Saremo pronti a comunicare qualsiasi notizia verificata appena la avremo», continua la redazione di 'Europhonicà riguardo alle condizioni del collega italiano, che ieri al momento dell'attentato si trovava insieme ad alcune colleghe della stessa radio rimaste illese.



 

Ieri sera, tramite un tweet, la redazione di Europhonica aveva reso noto che «lo staff italiano di Europhonica attualmente a Strasburgo è rimasto coinvolto nell'incidente». «I nostri colleghi italiani sarebbero fuori pericolo - si legge ancora nel tweet -. Vi terremo aggiornati».

Europhonica è il progetto internazionale promosso da RadUni (l'associazione italiana operatori radiofonici universitari) insieme alle radio universitarie di Francia, Spagna, Portogallo e Germania. Il suo obiettivo è raccontare l'Europa attraverso gli occhi degli studenti universitari, selezionati per la prima redazione radiofonica europea. Una volta al mese, in concomitanza con la plenaria del Parlamento Europea, Europhonica trasmette in diretta da Strasburgo.

IL SINDACO
«Siamo addolorati e in apprensione per il ferimento del nostro concittadino Antonio Megalizzi, colpito nell'attentato che ieri sera ha portato morte e terrore nel cuore della città di Strasburgo. Auguriamo ad Antonio, giovane giornalista di SanbaRadio, di superare questa difficile prova e di tornare presto a Trento, tra i suoi familiari e tra i suoi colleghi. Tutta la città in questo momento fa il tifo per lui». Così il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta. «Due anni fa, quando mancavano pochi giorni a Natale, Trento aveva espresso il proprio cordoglio alla città gemellata di Berlino Charlottenburg, colpita da un attacco terroristico che aveva provocato dodici morti e oltre cinquanta feriti - ricorda Andreatta - oggi la nostra città è nuovamente ferita al cuore da questo ennesimo atto di violenza insensata in cui è rimasto coinvolto anche un nostro concittadino». «Mai come oggi ci sentiamo cittadini europei, mai come oggi sentiamo il dovere di condannare ogni forma di violenza, mai come oggi ci sentiamo solidali con la Francia, i cittadini di Strasburgo e in particolare con le vittime dell'attentato e con i loro familiari», conclude il sindaco di Trento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 12 Dicembre 2018, 09:42 - Ultimo aggiornamento: 12-12-2018 14:50

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti