Flat tax, scontro nel governo. Salvini: va fatta. Di Maio: priorità non far aumentare l'Iva

Giuseppe Conte a Tunisi con il premier tunisino Youssef Chahed
Giuseppe Conte a Tunisi con il premier tunisino Youssef Chahed
3 Minuti di Lettura
Martedì 30 Aprile 2019, 15:19 - Ultimo aggiornamento: 20:46

E' di nuovo scontro nel governo sulla flat tax. Il vice premier Matteo Salvini coglie al volo l'occasione dei dati positivi sul Pil per tornare a ripetere: va fatta subito. Il premier Giuseppe Conte, da Tunisi, dice invece che ora bisogna pesnare alla manovra, a non far aumentare l'Iva, e che quindi non è tempo di pensare la riforma fiscale. Poi però in una nota fa retromarcia e precisa: nei prossimi mesi ne discuteremo. Per l'altro vice pemier Luigi Di Maio invece la priorità è non far aumentare l'Iva.

LEGGI ANCHE Pil +0,2, Italia è fuori dalla recessione
 



Conte. «Non è il momento di parlare di riforma fiscale, la vogliamo fare ma nei prossimi mesi abbiamo una manovra da affrontare», ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso della conferenza stampa congiunta con il premier tunisino Youssef Chahed, rinviando quindi in sostanza l'ipotesi divarare la flat tax voluta con insistenza dalla Lega. «Bisogna evitare l'incremento dell'Iva», ha poi aggiunto Conte, rispondendo alle domande dei giornalisti a partire dai dati Istat sulla crescita in Italia. «Dobbiamo in prospettiva aumentare il livello di contrasto a evasione ed elusione fiscale», ha detto il premier.

La precisazione di Palazzo Chigi. Le parole del presidente Conte in conferenza stampa a Tunisi sulla flat tax «sono state chiare e inequivocabili: la riforma fiscale va fatta, è un obiettivo di tutto il Governo, punto qualificante del Contratto», hanno poi precisato fonti di palazzo Chigi. «Nei prossimi mesi si discuterà della manovra economica e sarà l'occasione per lavorarci. Ogni diversa interpretazione è del tutto fuorviante».

Di Maio. «Flat tax? Io non voglio aumentare l'Iva. Per me va bene, sono progetti che stavamo portando avanti e che porteremo avanti. Ma sia chiaro che non si fa nulla aumentando l'Iva. Tutto il resto è nel contratto e si deve fare», ha dichiarato Di Maio commentando la dichiarazione di Salvini.

Il Pil. «L'Italia torna a crescere, il dato Istat sul Pil ci conforta molto su bontà della manovra e misure adottate, tenendo conto del contesto internazionale difficile e con le ultime misure ancora non in vigore. Ci auguriamo nel secondo semestre l'economia possa crescere in maniera sostenuta», ha poi sottolineato ancora Conte.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA