Covid, mamma incinta non si vaccina e finisce in terapia intensiva: il cesareo salva la vita al bimbo

Lunedì 9 Agosto 2021
Covid, mamma incinta non si vaccina e finisce in terapia intensiva: il cesareo salva la vita al al bimbo

«Non rischiare la tua vita e quella del tuo bambino. Prendi il vaccino, io non l'ho fatto». Claudia Li, neomamma di Birmingham (Gran Bretagna), si è contagiata con il Covid mentre era incinta ed è stata costretta a un cesareo dopo essere finita in terapia intensiva. Si è ammalata gravemente quando aveva il figlio in grembo da 24 settimane. La 30enne è stata collegata a un ventilatore e i medici sono stati costretti a eseguire un cesareo d'emergenza per salvare la sua vita e quella del bambino.

«Vaccini modificano il Dna», «non sono testati» e «d'estate non serve vaccinarsi»: dall'Iss il vademecum sulle bufale

 

Il taglio cesareo

Il figlio di Claudia Li pesava meno di 1 kg quando è nato il 20 luglio, 16 settimane prima della data in cui la donna avrebbe dovuto partorire. La signora Li ha detto di aver visto il suo medico di base e che in poche ore è stata portata d'urgenza in ospedale in ambulanza, ma a suo marito non è stato permesso di raggiungerla a causa delle restrizioni di Covid. «Tutto è successo molto rapidamente. Sto cercando di ricordare i dettagli, ma quando il dottore mi ha parlato, stavo abbastanza male, e sono stata rapidamente intubata», racconta a Birmingham Live la donna. «Quello che ricordo è che il dottore mi ha detto che stavano considerando di eseguire un taglio cesareo per salvarmi e che avrebbero fatto del loro meglio per far nascere il bambino».

Vaccino: «Non è controindicato in gravidanza e in allattamento». Ecco invece chi ha l'esenzione

 

I dubbi della donna incinta sul vaccino

La signora Li è stata dimessa all'inizio di questa settimana, mentre suo figlio è rimasto con il ventilatore perché i suoi polmoni non sono completamente formati. La neomamma ha raccontato la sua storia perché sente che molte donne incinte sono preoccupate per l'assunzione del vaccino. «Mi è stato detto di prendere il vaccino più volte, ma sentivo che poteva potenzialmente fare più male che bene al bambino». Tante le domande: «Come fa il governo a sapere che il vaccino è sicuro? Come potevano garantire l'assenza di effetti a lungo termine sul bambino dopo la nascita? Avevo quindi pensato che il male superasse il bene, perciò non avevo preso il vaccino». Ora, però, l'appello: «Tutto quello che dico alle altre donne incinte è di prendere il vaccino. Non c'è niente di peggio che essere ricoverati in ospedale e dover partorire prematuramente».

Green pass, come ottenerlo senza vaccino: tutte le esenzioni nella nuova circolare

 

Negli Usa 130.000 donne incinte vaccinate

Un sondaggio condotto dal gruppo Pregnant Then Screwed su più di 9.000 donne incinte ha mostrato che il 41% delle donne incinte intervistate non aveva ricevuto una singola dose del vaccino. Solo il 21% aveva due dosi del vaccino. Negli Stati Uniti sono state vaccinate circa 130.000 donne incinte e non sono stati identificati problemi di sicurezza. Public Health England ha affermato che i vaccini contro il coronavirus, principalmente Pfizer e Moderna, offrono alle donne incinte la migliore protezione contro la malattia, che per alcune donne può essere grave nella fase avanzata della gravidanza. Il Dipartimento per la salute e l'assistenza sociale ha affermato che circa 52.000 donne incinte in Inghilterra sono state vaccinate senza problemi di sicurezza.

Ultimo aggiornamento: 10:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA