Sesso scambista durante il lockdown, assolto 50enne accusato di maltrattamenti. Lo aveva denunciato la fidanzata

Giovedì 21 Ottobre 2021 di Luigi Benelli
Incontri focosi dopo l'aperitivo, foto d'archivio

PESARO Incontri bollenti, non graditi. Rapporti a tre e a quattro, scambi di coppia. Lei lo accusa di averla indotta a farlo, ma lui viene assolto. È il curioso caso di un pesarese di 50 anni finito a processo per maltrattamenti contro familiari perché avrebbe portato la sua compagna, brasiliana di 40 anni, a dei “festini” con amici. Il periodo è quello del lockdown 2020 e gli appuntamenti non erano banali aperitivi o chiacchierate, ma incontri di sesso. Secondo l’accusa della donna, l’uomo l’avrebbe spinta a rapporti a tre o a quattro. Ma anche a scambi di coppia. Tanto che lei, stanca di questi incontri bollenti e non proprio consenzienti, lo avrebbe poi denunciato. 

 

 

La giustizia ha fatto il suo corso e ieri il caso è stato esaminato davanti al Gup del tribunale di Pesaro. Il 50enne, difeso dall’avvocato Massimiliano Rosti, è finito sul banco degli imputati per maltrattamenti. La donna è stata sentita e avrebbe detto di averlo fatto per amore di lui. Il pubblico ministero ha chiesto l’assoluzione perché le parti sarebbero state in grado di decidere autonomamente rispetto ai rapporti avuti clandestinamente. Il giudice si è associato e ha assolto l’uomo dalla pesante accusa. Le motivazioni della sentenza faranno capire l’orientamento del giudice rispetto alla decisione. 

Un caso opposto a quello che andrà a giudizio nelle prossime settimane davanti al giudice di pace. Lei invece è una thailandese di 38 anni che in preda ai bollenti spiriti avrebbe voluto consumare un rapporto con il compagno, pesarese. Ma complice la stanchezza e poca voglia, lui non l’ha accolta e lei è andata su tutte le furie graffiandolo e impedendogli di chiamare la polizia. I rapporti sono diventati tesissimi, tanto che i due si sono lasciati, ma lui l’ha querelata accusandola di percosse. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA