Turismo si annuncia un'estate complicata

Sabato 22 Febbraio 2020
7Si preannuncia un'estate difficile per il Fermano. Dalla crisi idrica al caos autostrade, passando per il coronavirus, la prossima potrebbe essere ricordata come una delle peggiori belle stagioni di sempre. A farne le spese sarebbe più di tutti il turismo. Le premesse non sono buone. Il rischio di passare un'estate a secco c'è ed è concreto. A risentirne sarebbero soprattutto le strutture ricettive. In tempi di viaggi organizzati per tempo e alternative a non finire, potendo scegliere, per trascorrere qualche giorno di relax, i vacanzieri vogliono andare sul sicuro e tenersi il più lontano possibile da problemi e disservizi. A metterci il carico c'è il pandemonio A14. Ormai è certo che per l'estate i guardrail non saranno sostituiti e che in autostrada si procederà a singhiozzo. In quanti si prenderanno la briga di passare ore e ore in coda sotto il sole agostano, invece di virare verso qualche altra meta? Il coronavirus è la terza spada di Damocle che rischia di rovinare l'estate fermana. Se e quanto l'epidemia farà sentire il suo peso anche sul turismo del territorio lo si potrà capire già dalle prossime settimane.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA