Pensioni Quota 100, «arrivate già 680 domande». Torna anche l'Ape sociale

Pensioni Quota 100, «arrivate già 680 domande». Torna anche l'Ape sociale
Da questa mattina l'Inps ha reso disponibile il servizio di acquisizione delle domande online per la pensione 'Quota 100', a seguito dell'entrata in vigore del Decreto Legge n.4 del 28/01/2019 (il decreto su Quota 100, appunto). Intorno alle 13, ha fatto sapere l'Istituto nazionale di previdenza, erano arrivate già 44 domande. Alle 18 le domande sono diventate 680: 401 sono arrivate direttamente dai cittadini e 279 mediante i patronati.

Quota 100, da oggi si può presentare domanda all'Inps

Con questa misura, afferma il ministro dell'Economia Giovanni Tria, il governo ha varato «sulle pensioni misure sperimentali: non vogliamo cambiare le stime di lungo termine. Cerchiamo solo di affrontare un problema di transizione creato dall'ultima riforma», la Fornero, «permettendo alle imprese di cambiare la composizione della forza lavoro. Non sappiamo se avremo un impatto positivo o negativo sull'occupazione ma pensiamo che l'impatto sarà positivo sulla produttività».

Meningite alla Camera, deputati nel panico: «Disinfestate e sterilizzate tutto»


ANCHE APE SOCIALE Da oggi sarà possibile anche ripresentare domanda per il riconoscimento dell'accesso all'Ape sociale, il sussidio verso la pensione per gli over 63 in condizioni di disagio. La misura era scaduta a fine 2018 ma il decreto del Governo su Quota 100 l'ha prorogata fino alla fine del 2019. Le modalità per la presentazione della domanda sono illustrate in un messaggio dell'Inps appena pubblicato. «In attesa della pubblicazione della circolare illustrativa delle nuove disposizioni - si legge - si comunica la riapertura delle domande di riconoscimento delle condizioni per l'accesso all'APE sociale
».

«
Da oggi possono presentare domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio dell'Ape sociale i soggetti che, nel corso dell'anno 2019, maturano i requisiti previsti dalla legge del 2016 (almeno 30 anni di contributi se disoccupato, 36 se impegnato in attività gravose oltre a 63 anni di età) e tutti coloro che hanno perfezionato i requisiti negli anni precedenti e che non hanno avanzato la relativa domanda».

LE DOMANDE PIÙ DIFFUSE La Fondazione studi consulenti del lavoro, in attesa della prassi attuativa che potrà consentire di richiedere le nuove prestazioni pensionistiche varate con il decreto legge n.4/2019, pubblicato sulla G.U. n.23 del 28 gennaio 2019, ha pubblicato l'approfondimento contenente le prime Faq sulle diverse novità in campo, si legge in una nota della Fondazione dei professionisti.

Da 'quota 100' all'opzione donna, dal congelamento della speranza di vita per la pensione anticipata fino ai nuovi riscatti di laurea agevolati. Domande e risposte che sintetizzano gli effetti che la promulgazione del decreto legge comporta nel panorama dei pensionamenti e degli esodi aziendali delle Gestioni Inps. Particolare attenzione, conclude la nota,
«è riservata alla nuova pensione in 'quota 100', che offrirà un anticipo sostanzioso (almeno 5 anni rispetto alla pensione di vecchiaia, fino a 4 anni e 10 mesi rispetto alla pensione anticipata ordinaria) e nuovi scenari di esodo aziendale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 29 Gennaio 2019, 17:15 - Ultimo aggiornamento: 29-01-2019 20:26

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti